Orta di Atella, Michele Fusco rimasto fulminato da una scarica elettrica di 230 volt

L’operaio edile di 51 anni, secondo i primi riscontri, si sarebbe sentito male e sarebbe caduto dalla scaletta in ferro che conduceva al seminterrato, ma la sua gamba, avrebbe toccato il compressore che si trovava proprio vicino ai gradini. Così, ha perso la vita senza che nessuno se ne accorgesse.

Giunti sul luogo gli operatori del 118, allertati dalla moglie, hanno constatato il decesso di Michele Fusco, specializzato nell’installazione di piastrelle di porfido nei cortili, una famiglia con due figli di 25 e 22 anni.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin