Morte di Alice Gruppioni, Nathan Campbell si dichiara non colpevole

Colpo di scena. L’uomo che si è schiantato al volante della propria auto contro la folla a Venice Beach, causando la morte dell’italiana Alice Gruppioni, si dichiara non colpevole.

Nei confronti di Nathan Campbell pende l’accusa di omicidio, 16 capi d’accusa per aggressione con un’arma letale e 17 capi d’accusa per fuga. Campbell dovrà presentarsi in tribunale il 4 settembre. Se sarà riconosciuto colpevole rischia il carcere a vita.

9 su 10 da parte di 34 recensori Morte di Alice Gruppioni, Nathan Campbell si dichiara non colpevole Morte di Alice Gruppioni, Nathan Campbell si dichiara non colpevole ultima modifica: 2013-08-07T04:49:32+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0