Sant’Egidio alla Vibrata, nigeriana fa prostituire la figlia di 14 anni

La ragazza “vendeva” il suo corpo ad un imprenditore ascolano di origini teramane, arrestato poco prima che consumasse il rapporto sessuale in un locale a disposizione dell’uomo, a Sant’Egidio alla Vibrata. I Carabinieri hanno ammanettato in flagranza di reato l’imprenditore di 70 anni e la madre della minore di nazionalità nigeriana, con l’accusa rispettivamente di atti sessuali con minorenne e induzione aggravata e sfruttamento della prostituzione minorile.

La triste vicenda trae origine dalla denuncia sporta dalla ragazza di origini nigeriane e residente in Italia dalla nascita, costretta dalla madre a prostituirsi ripetutamente per soddisfare le perversioni dell’anziano. Le indagini sono scattate subito attivando intercettazioni telefoniche ed ambientali, pedinamenti, nonché perquisizioni e sequestri.

L’attività investigativa ha consentito di raccogliere inequivocabili elementi di prova a carico dei due arrestati e di scongiurare che l’ultimo incontro tra l’uomo e la minore degenerasse in un rapporto sessuale completo. L’uomo è stato arrestato a Sant’Egidio alla Vibrata, in un appartamento in cui il facoltoso imprenditore si era nuovamente incontrato con la minore.

La madre della ragazzina invece, anch’essa nigeriana e regolarmente residente in Italia, è stata arrestata a Castel di Lama. Gli arrestati si trovano al carcere di Teramo a disposizione delle Procure della Repubblica di Ascoli Piceno e Teramo.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0