Palermo, si è suicidato Riccardo De Lisi dipedente del centro di formazione Cefop

L’uomo si è lanciato dal quinto piano dello stabile dove lavorava ed è spirato nell’ospedale di Villa Sofia. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi. Riccardo De Lisi non percepiva lo stipendio da qualche mese come i suoi colleghi. Lo affermano alcuni sindacalisti. Era un architetto, come la moglie che però è disoccupata, e non aveva figli. Al Cefop era stato assunto con la qualifica di amministrativo e da qualche tempo aveva chiesto il part time.

”Al Cefop si occupava di agibilità dei locali e della 626, la normativa sulla sicurezza sul lavoro – racconta un sindacalista della Cgil, sindacato al quale De Lisi era iscritto – nell’ambito delle sue competenze di architetto, di recente aveva chiesto il part time”.

I colleghi dell’uomo sostengono che da qualche tempo De Lisi era depresso.

9 su 10 da parte di 34 recensori Palermo, si è suicidato Riccardo De Lisi dipedente del centro di formazione Cefop Palermo, si è suicidato Riccardo De Lisi dipedente del centro di formazione Cefop ultima modifica: 2013-08-01T05:57:21+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0