Tragica fine per Walter Albisetti noto ortopedico e docente universitario milanese

Il professionista di 57 anni è stato trovato privo di vita la scorsa notte in un suo terreno a Brugarolo al confine con Cernusco Lombardone in provincia di Lecco. Walter Albisetti stava eseguendo alcuni lavori domestici. Lascia la moglie e una figlia neolaureata in medicina. Stava usando una motosega per potare una siepe di lauro che da alcuni giorni stava sistemando. Persona molto conosciuta e stimata, aveva un ampio appezzamento di terra con ricovero per attrezzi e macchinari.

Albietti, nato a Monza nel 1956, era residente in Corso Magenta a Milano con la moglie Cinzia e la figlia Alessandra. Normalmente usava un cespugliatore ma essendosi guastato ha optato per la motosega. A far scattare l’allarme in piena notte un residente della zona recatosi nella sua stalla perché una vacca era prossima al parto. Vedendo il cancello aperto del terreno di Albisetti si è preoccupato e temendo la presenza di qualche ladro ha avvisato la madre che a sua volta ha chiamato i Carabinieri con i quali si è recata sul posto accompagnata dalla figlia. Stando a una prima ricostruzione, il medico sarebbe salito su una panchina per meglio raggiungere la sommità della siepe e avrebbe perso l’equilibrio procurandosi una profonda ferita.

Dopo un periodo come medico di base a Milano si era dedicato esclusivamente all’ortopedia. Ha lavorato al San Gerardo di Monza, attualmente era in servizio al Gaetano Pini di Milano. E’ stato Presidente del Corso di Laurea in Tecniche Ortopediche e medico responsabile del Corpo e della Scuola di Ballo del Teatro alla Scala.

I funerali si svolgeranno alle 11.00 di sabato a Cernusco Lombardone, paese storico di residenza della famiglia.

9 su 10 da parte di 34 recensori Tragica fine per Walter Albisetti noto ortopedico e docente universitario milanese Tragica fine per Walter Albisetti noto ortopedico e docente universitario milanese ultima modifica: 2013-07-31T17:06:34+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0