Villapiana, scontro autobus tir morti una donna e un bambino, altre dodici persone ferite

Il terribile impatto è avvenuto sulla strada statale 106, nei pressi di Villapiana, in provincia di Cosenza. Un camion si è scontrato con un autobus a bordo del quale viaggiavano i due morti ed i feriti. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e gli agenti della polizia stradale.

A bordo dell’autobus viaggiava un gruppo di emigranti calabresi provenienti dalla Svizzera e diretti a Mesoraca per trascorrere alcuni giorni di vacanza.

L’autista del camion è stato fermato dalla Polizia per accertamenti. Il bielorusso si è barricato nella cabina del tir in quanto temeva di essere linciato. Solamente quando sono arrivati gli agenti della Stradale ha deciso di scendere per fornire la sua versione sull’incidente. Undici persone rimaste ferite sono state trasferite negli ospedali di Rossano, Corigliano, Castrovillari e Trebisacce mentre una donna è stata portata con l’elisoccorso a Catanzaro perché le sue condizioni sono gravi.

Gli agenti della polstrada di Trebisacce hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria l’autista del camion che si è scontrato con l’autobus. Valiantisin Skramblavich, 33 anni, bielorusso, è risultato positivo all’alcoltest.

Nell’incidente stradale è morta Clelia Andali, di 57 anni, ed un bambino, Leonardo G., di 12 anni. Tra le dodici persone ferite destano particolare preoccupazione le condizioni di una donna, Lucia Castorino, di 57 anni, la quale è stata trasportata dall’elisoccorso nell’ospedale di Catanzaro dove i sanitari si sono riservati la prognosi.

Le indagini della polizia stradale sono coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica di Castrovillari, Maria Sofia Cozza.

9 su 10 da parte di 34 recensori Villapiana, scontro autobus tir morti una donna e un bambino, altre dodici persone ferite Villapiana, scontro autobus tir morti una donna e un bambino, altre dodici persone ferite ultima modifica: 2013-07-28T06:49:36+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0