Vibo Valentia, suicidio assistito escluso male incurabile per Pietro D’Amico

A stabilirlo l’autopsia sul corpo di Pietro D’Amico, sostituto procuratore generale della Procura di Catanzaro, che nell’aprile scorso aveva scelto il suicidio assistito in una clinica di Basilea, in Svizzera, dopo aver saputo della sua malattia.

A richiedere l’autopsia alla magistratura svizzera la figlia e la moglie del magistrato 62enne di Vibo Valentia.
L’esito degli esami effettuati all’Istituto di Medicina legale dell’Università di Basilea alla presenza del perito di parte potrebbero ora portare all’apertura di un’inchiesta.

9 su 10 da parte di 34 recensori Vibo Valentia, suicidio assistito escluso male incurabile per Pietro D’Amico Vibo Valentia, suicidio assistito escluso male incurabile per Pietro D’Amico ultima modifica: 2013-07-10T21:28:02+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0