Roma, Marino straccia Alemanno ma non vince la Capitale va al ballottaggio

Il gap è abissale. 43 a 30. Ben 13 punti percentuali di differenza tra il sindaco uscente e lo sfidante. Gianni Alemanno non molla. “Per me la partita è aperta: bisogna combattere fino alla fine per il bene di Roma. Il ballottaggio non è il secondo tempo di una partita ma una partita totalmente diversa”. Per ribaltare il risultato fra due settimane il candidato del PdL guarda a quei romani che non si sono recati alle urne. “Dobbiamo portare al voto metà dei romani, bisogna capire il perché dell’astensionismo soprattutto dei giovani”. E Gianni Alemanno punta anche sui voti di Alfio Marchini, all’incirca un 10%.

“C’é bisogno di una rinascita”, ha detto Ignazio Marino ricordando agli elettori M5S “la comunanza di alcuni temi”. Il candidato del Pd guarda ai grillini che si sono fermati intorno al 13% e subiscono una sonora lezione che sgonfia il comico genovese.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, Marino straccia Alemanno ma non vince la Capitale va al ballottaggio Roma, Marino straccia Alemanno ma non vince la Capitale va al ballottaggio ultima modifica: 2013-05-27T19:01:17+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0