La nostra crisi di oggi è che non interessa se la gente muore di fame

E’ la “denuncia” sociale forte e decisa di Papa Francesco. “Ci si preoccupa delle banche o della finanza…” ha affermato il Pontefice rispondendo a una delle quattro domande che gli sono state poste in piazza San Pietro in occasione della veglia di Pentecoste che vede la presenza di 200 mila persone appartenenti ai movimenti, alle comunità, alle aggregazioni laicali e alle associazioni.

Papa Bergoglio ha denunciato che “viviamo una cultura dello scontro, della frammentazione”. Ha denunciato la “cultura dello scarto” e ha parlato in difesa degli anziani e dei bambini. Ha invitato a fare l’incontro con tutti “senza negoziare la nostra appartenenza. Ed è importante con i poveri” .

9 su 10 da parte di 34 recensori La nostra crisi di oggi è che non interessa se la gente muore di fame La nostra crisi di oggi è che non interessa se la gente muore di fame ultima modifica: 2013-05-18T18:40:45+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0