Vibo Valentia, confiscati beni a Giovanni Franzè, Francesco Pugliese e Domenico Campisi

A conclusione di tre distinte operazioni, la Dia di Catanzaro ha confiscato beni mobili ed immobili per un valore di due milioni di euro.

I beni sono riconducibili a Giovanni Franzé, di 50 anni, di Stefanaconi, già arrestato per usura aggravata dal metodo mafioso, e Francesco Pugliese, 53 anni e Domenico Campisi, ucciso nel 2011, rispettivamente di Nicotera e San Calogero, condannati in via definitiva per traffico internazionale di droga a conclusione del processo scaturito dall’inchiesta Decollo condotta dalla Dda di Catanzaro.

I beni confiscati consistono in 18 immobili, cinque rapporti finanziari, due aziende, sette autoveicoli e 20 oggetti preziosi che erano custoditi a Roma in una cassetta di sicurezza di un istituto di credito.

9 su 10 da parte di 34 recensori Vibo Valentia, confiscati beni a Giovanni Franzè, Francesco Pugliese e Domenico Campisi Vibo Valentia, confiscati beni a Giovanni Franzè, Francesco Pugliese e Domenico Campisi ultima modifica: 2013-04-23T07:14:44+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0