Rosarno, Vincenzo Santaiti incendia per gelosia ristorante e pelletteria

Una storia di gelosia costata a caro prezzo ad un reggino, già finito in manette nei mesi scorsi, per aver dato alle fiamme il 30 settembre 2012 un ristorante nel centro storico fiorentino. Ora è stato arrestato dalla Polizia per aver incendiato il negozio di pelletteria di via Por Santa Maria, a Firenze, dove lavora la sua ex fidanzata.

Vincenzo Santaiti, architetto originario di Rosarno ma residente a Firenze, aveva cenato nel locale con la sua ex, all’epoca ancora la sua fidanzata, ed era stato infastidito dalle attenzioni riservate dal titolare alla donna, con la quale era rimasto in rapporti di amicizia dopo aver avuto con lei una storia in passato. Alcuni giorni dopo lo stalker aveva deciso di mettere a segno il raid incendiario.

Il secondo incendio lo ha appiccato nel negozio di pelletteria nella notte tra il 12 e il 13 aprile scorsi, per vendicarsi del titolare che gli aveva intimato di smettere di presentarsi nell’esercizio per molestare la donna. La Polizia era già intervenuta nel negozio il 23 gennaio, per sedare una lite tra il proprietario e lo stalker.

9 su 10 da parte di 34 recensori Rosarno, Vincenzo Santaiti incendia per gelosia ristorante e pelletteria Rosarno, Vincenzo Santaiti incendia per gelosia ristorante e pelletteria ultima modifica: 2013-04-23T16:26:30+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0