Filadelfia, confiscati beni per 1,5 milioni a Giorgio Gigantino, Rosetta Lanzafame e Milena Montoro

Si tratta di marito e moglie, arrestati nel 2012 per bancarotta fraudolenta per il fallimento della loro gioielleria a Filadelfia, e a Milena Montoro, ritenuta una loro prestanome. Tra i beni ci sono una gioielleria, una sala giochi, 3 auto, tra le quali una Porche Cayenne, 2 autocarri, 2 moto e conti correnti.

Il provvedimento è stato emesso dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Catanzaro in quanto Filadelfia rientra sotto la competenza territoriale della Procura di Lamezia Terme. Nei confronti dei coniugi era già stato emesso un provvedimento di sequestro preventivo da parte del Gip di Lamezia Terme. Dopo il loro arresto, le indagini dei Finanzieri sono proseguite e, secondo l’accusa, sono emerse ulteriori ipotesi di reato a carico di marito e moglie, in concorso con altri soggetti, sempre nell’ambito della gestione fraudolenta di imprese commerciali e dell’intestazione fittizia di beni e attività economiche, i cui proventi sarebbero stati impiegati per l’avvio di nuove società operanti nel settore dei giochi e delle scommesse, ritenute ad alto rischio di utilizzo ai fini di riciclaggio.

Con lo stesso provvedimento, il Tribunale di Catanzaro ha sottoposto l’imprenditore alla misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con obbligo di soggiorno nel comune di residenza.

9 su 10 da parte di 34 recensori Filadelfia, confiscati beni per 1,5 milioni a Giorgio Gigantino, Rosetta Lanzafame e Milena Montoro Filadelfia, confiscati beni per 1,5 milioni a Giorgio Gigantino, Rosetta Lanzafame e Milena Montoro ultima modifica: 2013-04-04T16:43:07+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0