Genova, il cristiano vive a testa alta

147

“E’ la creatura della luce, della vita nuova, del giorno, deve vivere davanti al mondo a testa alta ed essere testimone della gioia”. E’ l’affermazione del Cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei e arcivescovo di Genova, nell’omelia pronunciata in occasione della Pasqua.

Il porporato si è rivolto ai fedeli e ha domandato loro. “Il cristiano deve vivere nascosto? cosa significa che siamo nascosti in Dio? Forse Dio e’ per noi come un sepolcro dove vivere segregati fino alla fine del mondo?” .