Campagna elettorale in versi / 4, Mastro Bruno Pelaggi sulu fatiga mu mi ruppu l’ossa – duvi ncappamma nui, povera genti!

 

Mastro Bruno Pelaggi (Serra San Bruno 1837 – 1912) poeta dialettale, si può considerare, come molti lo fanno, il precursore della mai risolta “questione meridionale”.

Parlare e scrivere di Mastro Bruno, infatti, è di una forte e sconcertante attualità a dispetto del secolo e più che ci divide I temi della sua poetica spicciola e senza pretese linguistiche o sintattiche e tantomeno metriche (scalpellino da mattina a sera senza voler essere o apparire “poeta” ma semplicemente raccontare a sé stesso e al suo vicinato le “stuori”, come amava definire i suoi componimenti) sono la disperazione, la fame, la povertà, l’inquietudine della povera gente che resta sempre e comunque classe subalterna.

In questi ultimi anni molti eminenti rappresentanti della letteratura italiana si sono interessati della figura e della poesia dello scalpellino serrese. Tra i tanti Umberto Bosco che scrive: “…Mastro Bruno non arretra dinanzi a parole energiche ma nel suo testo…esse hanno perduto il loro originario valore greve, talvolta sono intercalari…Tuttavia l’aspetto più interessante di Mastro Bruno non ci è dato da versi di questo genere, ma da altri di diverso tono, come quelli nei quali denuncia la necessità in cui i poveri si trovano a votare secondo la volontà di coloro ai quali “si dici no pierdi lu pani.”

Per Vincenzo Paladino, il Pelaggi è accomunato al Campanella e all’Alvaro in quanto “eroi dell’azione e dell’utopia”, La tematica centrale, sempre attuale più che mai, del poeta vissuto all’ombra della millenaria Certosa, resta comunque una: la mancanza di lavoro, la continua disoccupazione che spopola i paesi e che riempie di delusione e di profonda amarezza la povera gente.

Scrive Gualtiero Canzoni: “ ‘Di supa sta montagna ti jiettu ‘na gridata…’, così si leva alta e irriverente la protesta della Calabria, a ‘Mbertu Primu, re di un’Italia che, appena unita, cominciava a mortificare le speranze e le aspettative dei calabresi.” E da altri critici il Pelaggi è accostato ai vari Gioacchino da Fiore, Galeazzo di Tarzia, Schettino, Jerocades, Padula, Misasi ed altri.

Per Tuscano: “Mastro Bruno ha una personalità prorompente, definita e quasi incisa con quello scalpello che certamente gli sarà stato più familiare della penna.”

 

Canto disperato

 

 Tu Signori, cu mmia ti la pigghjasti?

Quantu mi ‘ndi mandasti pienitenza!

Jio chi ti fici e tantu ti ‘ndignasti,

non mu mi mandi nuddha prividienza?

A cu’ tanti dinari nci mandasti

Ed a mia m’assignasti la pacienza?

Vidi cà si la sciancu puoi mi sdiegnu

Ed allu paradisu mancu viegnu!

 

È bieru ca nd’hai tanti tuornu tuornu:

ca cu li po’ cuntari ad unu ad unu!

Ma puru Ti dispiàcia carchi juornu,

ca Ti vuoti e non vidi a Mastru Brunu!

Vidi ch’è cchiù lu Tuoi no  mio lu scuornu

si Tu mi dassi sempi all’addijunu

Jio non Ti ciercu nudda cosa grossa:

sulu fatiga mu mi ruppu l’ossa!

 

Jio nci lu scrissi a Mbertu ed a Vittoriu

E nuddu di li dui mi rispundiru,

ca chiddi bàdan’a li cazzi luoru

e di mia puocu si ndi strafuttiru.

Si tu mi fai mu campu e non mu muoru,

puru allu Papa vuogghiu mu nci scrivu

pimmu nci dicia allu nuostru suvranu

si chist’è propria galateu cristianu!

 

Lu mutivu pi cui non rispundiru

fu sulu cà circai lavuru e pani;

si sapa ormai ca si ndi strafuttiru

a nui sulu lu nuomu di italiani

la fratellanza ndi la riducìru

mu ndi sbranamu cuomu tanti cani:

ca cu’ s’acchiappa l’uossu e si lu spruppa

 e cu’ mora di fami e strafutta.

 

Stu’ guviernu talianu guvirnanti

( a Tia, Signuri, mio, non dicu nenti!)

ndi nchiova a Cristu e rinnega li Santi!

(duvi ncappamma nui, povera genti!)

E cu’ la pota cchiù tirari avanti!

Pi nui non ava propria mu nc’è nenti?!

Tu chi di dduoc’assupa tutti vidi

Ndi sienti lamiari e ti la ridi?

 

Tu sulu puotirissi’accumudari

li cuosi di stu mundu scelleratu:

mu fai la terra mu diventa mari

(s’unirìa puoi la chiesa cu lu Statu!)

si ndi jirienu ‘n fumu li dinari

di l’avaru c’affuca dispiratu:

chi non ci spiacia tantu di la vita

pi quantu ca si perda la munita.

 

Vuria mu sàcciu di chi lu facisti

di chi materia è fattu l’avaruni

 Forsi pigghiàsti strunzi e li mungisti

e nci mintisti sucu di limuni;

puoi cu l’ardìchi a muoddu lu mintisti

e stricasti ‘nu piezzu di carvuni.

Duoppu fu tosta sta’ cumbinazziuoni

Tutti l’avari ti cattaru buoni.

 

Li miegghiu t’arriscìru l’Italiani

Cà su cchiù amanti di la religioni

e portanu lu nuomu di cristiani!

Vannu alla chiesa e fannu cuminiuoni,

picchì lu previti nci’irgia li mani

e nci duna la santa assuluzziuoni.

Puoi d’arrietu si vota e lu saluta:

eccu sarvata l’anima futtuta!

 

Non crìghiu cà si Tu chi a st’assassini,

a diluviu nci mandi li dinari,

ed a nutri povari mischini,

mancu lu sulu pani ndi vuoi dari!

Fai pi mu ndi dannamu di ghiestimi

E sparti puoi lu ‘mpiernu ndi prepari?

Duoppu patimu tantu puoi nd’arrusti

e t’avanti cà fai li cuosi giusti?

 

E l’operaiu di chi lu facisti,

pi mu sumporta tanti patimenti!?

Quali materia forti nci dunasti

pi mu combatta cu tutti vienti!?

Addutta cu l’avari e l’egoisti

ch’hannu di la tortura li strumienti;

lavora pi sti boja, suda e stenta

e mancu si po’ gurdari di pulenta!

 

Ndi criasti grandizzi quantu mai

e cu’ poì diri ca non si putenti!?

Ma chista la facisti mala assai:

a cu’ dunasti tuttu e a cu’ nenti.

Lu mundu è miegghiu nuovu mu lu fai,

ca chistu è truoppu fattu malamenti.

Ti priegu fallu buonu, cu n u pattu…

e mina ‘na fhiffhiata e chistu è fattu.

 

Bruno Pelaggi

9 su 10 da parte di 34 recensori Campagna elettorale in versi / 4, Mastro Bruno Pelaggi sulu fatiga mu mi ruppu l’ossa – duvi ncappamma nui, povera genti! Campagna elettorale in versi / 4, Mastro Bruno Pelaggi sulu fatiga mu mi ruppu l’ossa – duvi ncappamma nui, povera genti! ultima modifica: 2013-01-18T16:31:26+00:00 da Mimmo Stirparo
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0