Comune di Cividale del Friuli invariate le aliquote Imu 2012

L’Amministrazione comunale di Cividale del Friuli conferma le aliquote Imu per il 2012 così come deliberate dal consiglio municipale del 20 aprile scorso. Lo comunica l’assessore al bilancio, Daniela Bernardi che entra nel dettaglio: “si tratta dello 0,4% per l’abitazione principale e dello 0,76% per gli altri fabbricati e aree edificabili con detrazione di 200 euro per l’abitazione principale, e un’ulteriore detrazione di 50 euro per ogni figlio convivente di età non superiore a 26 anni. Resta confermata, infine, pure la quota di competenza statale la cui modifica poteva essere apportata entro il termine del 10 dicembre 2012”.

Quando è necessario fare il ricalcolo
Il ricalcolo è necessario solo se sono intervenute modifiche concernenti l’immobile. Bisogna ricalcolare l’imposta, ad esempio, se dal pagamento della prima rata Imu a oggi, sono state eseguite ristrutturazioni o cambi di destinazione d’uso della struttura; bisogna valutare, poi, la soggettività passiva: se sono state portate a compimento, ad esempio, compravendite o avviati procedimenti inerenti una successione. Il ricalcolo, infine, va fatto se qualcosa è cambiato nel proprio nucleo famigliare, come, ad esempio la modifica del numero di figli conviventi con età fino a 26 anni o altre variazioni.

Pagamento entro il 17 dicembre
I contribuenti dovranno provvedere al pagamento dell’imposta entro il prossimo 17 dicembre, sulla base dei calcoli effettuati in sede di acconto. L’ufficio tributi del Comune è a disposizione per informazioni e assistenza nelle giornate di martedì, giovedì e venerdì dalle ore 10 alle 12.30 e il lunedì dalle ore 8.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.

 

http://www.cividale.net
http://www.balloch.it

9 su 10 da parte di 34 recensori Comune di Cividale del Friuli invariate le aliquote Imu 2012 Comune di Cividale del Friuli invariate le aliquote Imu 2012 ultima modifica: 2012-12-13T09:58:48+00:00 da Rosa Ferro
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0