Rende, in libertà gli ex consiglieri provinciali Umberto Bernaudo e Pietro Paolo Ruffolo

Arrestati nel novembre scorso e posti ai domiciliari nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Catanzaro chiamata “Terminator”. Il tribunale della libertà ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare. Bernaudo e Ruffolo, accusati di corruzione e corruzione elettorale, sono coinvolti nell’inchiesta nella loro qualità di ex sindaco di Rende ed ex assessore comunale.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin