Sarzana, coppia simula rapina per nascondere litigio e accoltellamento

Il detto dice “tra moglie e marito non mettere il dito”. E loro, in effetti, quel detto lo hanno seguito alla lettera. O, almeno, ci hanno provato. Una coppia di conviventi di Sarzana, dopo un violento diverbio, ha provato a descrivere l’accaduto come una rapina subita per cercare di non attirare su di sé- visti i precedenti- ulteriori attenzioni dei Carabinieri. I due, un operaio di 47 anni nativo di Agrigento e già noto agli uffici e una genovese disoccupata, anch’ella conosciuta, erano venuti alle mani durante un litigio di coppia e la donna aveva finito con l’accoltellare il compagno. Per mascherare quell’aggressione, i due avevano simulato una rapina, addossando a ipotetici ignoti la responsabilità di quella ferita. Ma i Carabinieri li hanno smascherati e denunciati, a conclusione di un’attività info-investigativa, portata a termine dai militari del Norm in collaborazione con i colleghi della stazione principale. La ricostruzione fornita dalla coppia non aveva convinto i militari che, dopo appurate indagini, hanno portato alla luce quel violento dissidio familiare scaturito per futili motivi e terminato con la coltellata inflitta al 47enne dalla sua compagna sulla quale, adesso, pesa una denuncia per lesioni.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin