Tangenti a Modugno, consiglio comunale dimissioni di massa

94

Una seduta straordinaria del consiglio comunale ha sancito la fine della consiliatura con le dimissioni di 22 su 24 consiglieri comunali di Modugno. La decisione è maturata dopo gli arresti che hanno decapitato la giunta di centrosinistra. Tra gli arrestati il sindaco Mimmo Gatti (Pd) e altre 11 persone tra consiglieri di maggioranza, dirigenti e funzionali comunali. Le accuse si riferiscono a tangenti per gli appalti nel settore dell’edilizia.

”Gli atti giudiziari gravissimi – si legge in un documento della maggioranza – impongono un’assunzione di responsabilità immediata e senza tentennamenti”.

Per il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione gli arresti di amministratori e dirigenti comunali “svelano in maniera tangibile la cupola del malaffare politico e ambientale che il Movimento da tempo ha denunciato con insistenza e coraggio”.