Napoli, al II Policlinico furto di medicinali per curare la sclerosi multipla

I costosi farmaci, valore 43 mila euro, sono stati sottratti dalle celle frigorifere del laboratorio universitario di clinica neurologica. Un colpo messo a segno all’interno dell’edificio 10 nella cittadella ospedaliera della Federico II, in via Pansini.

A scoprire il furto sono stati i sanitari che si accingevano a prelevare alcuni prodotti per eseguire le terapie destinate alle attività di ambulatori e reparti. Gli ignoti che hanno asportato 66 confezioni di medicinali, appartenenti a due categorie specifiche per terapie neurologiche, non hanno incontrato molti ostacoli dal momento che le palazzine ospedaliere non sono custodite e i frigoriferi erano dotati di semplici lucchetti.

Nessuna forzatura, nessun danno a finestre e porte ma praticamente una passeggiata per i ladri che hanno puntato dritto ai frigo. Nottetempo i malviventi si sono introdotti senza intoppi all’interno dei laboratori ed hanno forzato i lucchetti delle celle, facendo razzia dei costosissimi farmaci che non vengono distribuiti in farmacia e potrebbero essere rivenduti sul mercato estero con nuove etichette.

Intervenuti i Carabinieri della stazione interna alla cittadella ospedaliera che proseguiranno le indagini avviate con il sopralluogo all’interno. Quello accaduto la scorsa notte è solo l’ultimo episodio di un nuovo trend criminale che negli ultimi due anni, a Napoli, investe gli ospedali ed in particolare il II Policlinico. Pochi mesi prima, sempre nella struttura di via Pansini, erano stati sottratti farmaci salvavita e medicine sperimentali per malattie rare, contenenti anche sostanze stupefacenti per un danno di circa 1,5 milioni di euro.

9 su 10 da parte di 34 recensori Napoli, al II Policlinico furto di medicinali per curare la sclerosi multipla Napoli, al II Policlinico furto di medicinali per curare la sclerosi multipla ultima modifica: 2012-11-24T16:17:32+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento