Catania, a guidizio Melchiorre Fidelbo, marito di Anna Finocchiaro

Il consorte della senatrice del Pd figura tra i quattro rinviati a giudizio nell’ambito dell’inchiesta sulla procedura amministrativa che avrebbe portato, a Catania, all’affidamento senza gara dell’appalto per l’informatizzazione del Presidio territoriale di assistenza (Pta) di Giarre. Il lavoro fu assegnato alla Solsamb srl, società guidata da Melchiorre Fidelbo.

Al centro dell’inchiesta la stipula della delibera 1719 del 30 luglio del 20101 che autorizzava l’Asp di Catania a stipulare un convenzione con la Solsamb per il Pta di Giarre che, secondo l’accusa, sarebbe stata redatta “senza previo espletamento di una procedura ad evidenza pubblica e comunque in violazione del divieto di affidare incarichi di consulenza esterna”, come prevede la normativa regionale.

L’atto, sostiene la Procura, “avrebbe procurato un ingiusto vantaggio patrimoniale alle Solsamb, consistito nell’affidamento diretto alla società di una prima anticipazione di 175 mila euro”, somma “proveniente dalla quota del co-finanziamento Stato-Regione” previsto dalla Finanziaria del 2007. Per la Procura di Catania, Fidelbo, da amministratore unico della Solsamb, concorreva in qualità di “determinatore” o comunque di “istigatore della condotta del Calaciura e del Puglisi, predisponendo l’atto di convenzione allegato alla delibera e proponendo la stipula all’Asp di Catania”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Catania, a guidizio Melchiorre Fidelbo, marito di Anna Finocchiaro Catania, a guidizio Melchiorre Fidelbo, marito di Anna Finocchiaro ultima modifica: 2012-10-25T03:33:27+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0