Ragusa, la festa degli artisti di strada

Diventano sempre più nitidi i contorni della diciottesima edizione del festival Ibla Buskers in programma a Ragusa Ibla dall’11 al 14 ottobre prossimi. Arrivano le prime anticipazioni di un cast ricchissimo e pronto, come sempre, a strabiliare lungo un percorso che quest’anno porterà gli spettatori a scoprire angoli suggestivi come la zona sulla quale sorgeva l’antico castello dei conti di Ragusa. Un percorso fatto di suggestioni e arte, dove gli spettatori di Ibla Buskers incontreranno tanti artisti di strada. Dalla Spagna la “Familia Bolondo”, un vero e proprio circo che nasce dall’unione di diverse compagnie con alle spalle una lunga esperienza professionale e ormai da anni protagonista dell’evoluzione europea del circo contemporaneo. Ad Ibla Buskers presentano “Maravillas”, lo spettacolo che intreccia stili e rompe le barriere artistiche dell’incredibile mondo del circo. E sempre in questo ambito, il festival ospiterà il “Tony Clifton Circus”, ovvero clown anomaly dall’Italia. Nato nel 2001 da un’idea di Nicola Danesi e Iacopo Fulgi, il “Tony Clifton Circus” si può catalogare come un vero e proprio “circo dell’anomalia”. Ad Ibla Buskers presentano “Rubbish Rabbit”, uno spettacolo divertente, senza canovaccio, un frenetico gioco in cui parole e azioni si rincorrono in un susseguirsi implacabile di risate e tensione per lo spettatore. Dall’Argentina ma anche dall’Italia arriverà la “Compagnia Dromosofista” con il suo particolarissimo teatro d’oggetti. Sarà un breve racconto estetico e senza parole, composto da quattro sequenze dove l’amore è osservato con occhi ingenui. Una storia adorabile minacciata da cartoni animati sorprendenti in una successione di microstorie che rivelano senza parole la relazione amorosa tra due saltimbanchi. Presto su facebook e sul sito internet nuovi aggiornamenti sul cast degli artisti di quella che sarà la 18esima edizione della manifestazione organizzata dall’associazione Edrisi. “La maggiore età è un traguardo di grande significato, ottenuto con tenacia, volontà e tanta irriverente utopia in una terra dove la promozione della cultura, la realizzazione di manifestazioni indipendenti, ha generalmente vita breve – spiegano dall’associazione Edrisi – La specificità di questo evento, imperniato nel rapporto diretto tra pubblico, artista e luogo fisico di svolgimento, proprio per la sua immediatezza e semplicità è riuscito a creare un forte legame di affezione con un pubblico sempre più ampio, qualificato e motivato. Metter su questa edizione del festival è ancor più complicato. La parola d’ordine in giro oggi è crisi e dunque stiamo facendo i conti con pochi fondi e, purtroppo con molte incertezze. Attendiamo ancora conferme dal Comune di Ragusa sui contributi destinati a Ibla Buskers ormai a pochi giorni dall’inizio del festival. Tutto diventa più complicato ed estremamente difficoltoso. Noi intanto andiamo avanti avendo sempre in mente due solidi punti di riferimento, il seguito e la simpatia del pubblico e la grande stima e disponibilità del mondo degli artisti, che con grande solidarietà e condivisione si sobbarcano lunghi viaggi per essere con noi in questo ormai tradizionale appuntamento dell’ottobre siciliano”. Il programma sarà presto disponibile su www.iblabuskers.it.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin