Zafferana, si incatena il consigliere Barbagallo

Si è incatenato per protesta il consigliere provinciale Alfio Barbagallo, contro la decisione della Soprintendenza che ha espresso parere negativo all’ampliamento della strada provinciale 8/IV in territorio di Zafferana. Un tratto della strada in questione confina con il muro del giardino storico di Villa Manganelli, da qui la motivazione del diniego ai lavori di ampliamento della carreggiata da parte della Soprintendenza, sebbene il segmento stradale sia pericoloso e scenario in passato di diversi incidenti mortali.

“Si privilegia il muro e non le vite umane”, questo lo slogan utilizzato dal consigliere Barbagallo che questa mattina si è legato al cancello che da accesso alla Villa Manganelli. Il gesto plateale ha voluto accendere i riflettori sulla sicurezza stradale di cittadini e turisti costretti a percorrere quel tragitto. Il presidente della Provincia di Catania, Giuseppe Castiglione, ha raggiunto il consigliere provinciale manifestandogli la propria solidarietà.

“E’assurdo che un consigliere sia costretto a incatenarsi per far valere le ragioni dei cittadini – ha osservato Castiglione – . Troppe persone hanno perso la vita in questa strada e credo che si debbano utilizzare tutti gli accorgimenti necessari per metterla in sicurezza. Ho gia sentito telefonicamente l’architetto Vera Greco, soprintendente ai Beni culturali di Catania, e mi ha assicurato che si procederà urgentemente a un ulteriore e attento esame della vicenda”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Zafferana, si incatena il consigliere Barbagallo Zafferana, si incatena il consigliere Barbagallo ultima modifica: 2012-09-17T18:02:36+00:00 da Lucio Di Mauro
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0