Crotone, nuovo anno scolastico oppurtunità di crescita per gli studenti

“Siamo lieti di porgere ancora una volta il nostro saluto ed il nostro augurio per il nuovo anno scolastico a tutti i soggetti che, con ruoli diversi, saranno protagonisti di un viaggio che durerà dieci mesi e che sarà destinato a lasciare in ciascuno ricordi indelebili ed emozioni forti” – inizia con queste parole il messaggio sull’inizio del nuovo anno scolastico firmato da Stano Zurlo Presidente Provincia di Crotone e Giovanni Lentini Assessore provinciale alla Cultura e Pubblica Istruzione. “Riprenderà il contatto quotidiano, fatto di scambi, di sensazioni, di esperienze, di sensibilità, di sentimenti, di interessi, di culture, tra ragazzi, tra studenti e docenti, tra scuola e famiglia, che non potrà mai essere sostituito da un freddo schermo di computer dietro cui spesso anonimamente l’umanità moderna trascorre troppa parte del suo tempo. La scuola resta uno di quei luoghi, e di quei tempi della vita, in cui ancora ci si guarda negli occhi, ci si parla, si discute, si stringono amicizie, si coltivano relazioni sociali, si formano intelligenze, si acquisiscono saperi. E’ un mondo vivo, fatto di carne ed ossa, non virtuale, il mondo che costruisce e custodisce i tesori del nostro futuro. Bambine e bambini saranno al loro primo giorno di scuola e vorranno tenere stretta la mano del genitore nel caso gli venisse in mente di lasciarli lì; ragazze e ragazzi si accingeranno a chiudere gli studi superiori e vivranno l’anno dell’impegno più duro; in tutto l’arco dei livelli di istruzione sarà sempre centrale l’applicazione nello studio, lo sforzo, la passione, la dedizione dei docenti, la guida dei dirigenti, l’assistenza dei collaboratori, la partecipazione consapevole e necessaria delle famiglie. A noi amministratori spetta il compito di fare quanto è nelle nostre possibilità per rendere tutto più agevole, eliminare disagi, fornire l’indispensabile supporto istituzionale perché tutto si svolga serenamente e costruttivamente. Il territorio vive una fase di grande difficoltà. La crisi economica che sta sconquassando l’Europa si aggiunge, da noi, a problemi di arretratezza storica generando una situazione potenzialmente disgregatrice.

Mai come oggi è necessario unire le forze, dare il meglio di noi in ogni campo, costruire un processo in cui l’amore per la nostra terra, per la sua storia, la sua cultura, le sue bellezze, esalti la nostra intelligenza, moltiplichi le nostre energie, rinnovi l’orgoglio di noi stessi. Perché la civiltà umana da queste parti qualche passaggio, e non dei più secondari, lo ha fatto. Non sta scritto da nessuna parte che il nostro destino è di essere sempre e solo periferia. Possiamo e dobbiamo essere protagonisti del cambiamento, ma consapevoli delle nostre radici, informati del nostro cammino nella storia, proiettati verso il futuro con il bagaglio di una cultura che ci viene dalle generazioni precedenti e che è un patrimonio che tocca a noi tutti, ma in particolare al mondo della scuola, valorizzare e rinnovare. In questi giorni una notizia ha reso orgogliosa tutta la comunità provinciale, la straordinaria conquista del Premio Campiello da parte dello scrittore Carmine Abate, originario di Carfizzi, vincitore del Premio Provincia di Crotone 2011, la cui opera letteraria ha come quadro di riferimento costante il territorio della nostra provincia, le sue tradizioni, il fascino e la magia dei suoi luoghi, il senso di appartenenza a una comunità che, pur da lontano, rappresenta per i suoi figli un irrinunciabile ancoraggio di valori, di colori, odori, saperi, profumi, che ci entra nell’animo dalla nascita e non ci lascia più. La consacrazione di Abate in uno dei più prestigiosi agoni letterari d’Italia, oltre che essere il giusto riconoscimento del talento di uno scrittore che da anni si segnala per l’originalità e lo stile inconfondibile dei suoi romanzi, è un risarcimento per tutto il territorio ed è la prova, appunto, che nessun destino ci obbliga ad essere sempre periferia. Nemmeno nella cultura. Per questo vi incitiamo – concludono Lentini e Zurlo – a coltivare l’amore per la nostra piccola patria, a sentire la voglia di avere lo sguardo fiero e la schiena diritta, perché dall’impegno di ciascuno di noi dipenderà l’avvenire della nostra terra e soprattutto la sua dignità. Con questo spirito ci è gradito rivolgere a tutti l’augurio di un proficuo e sereno anno scolastico”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Crotone, nuovo anno scolastico oppurtunità di crescita per gli studenti Crotone, nuovo anno scolastico oppurtunità di crescita per gli studenti ultima modifica: 2012-09-13T08:57:59+00:00 da Mimmo Stirparo
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0