Torino, il giardino è bello se ce ne prendiamo cura

Lunedì 10 settembre si inaugura ufficialmente il giardino ex Ceat, realizzato sull’area degli ex stabilimenti produttivi Ceat, tra le vie Pacini, Leoncavallo e Ternengo. Il nuovo giardino si estende per 16 mila metri quadri con spazi a prato, nuove alberature e arredi, giochi per bambini e adolescenti e un percorso fitness per la terza età.

L’intervento, avviato dal 2007 e più volte rallentato per la necessità di compiere approfonditi lavori di bonifica ambientale, è stato completato nell’ambito del Programma Urban Barriera di Milano e si configura come primo tassello della riqualificazione che interesserà gli spazi verdi della zona est di Barriera di Milano e che verrà portata a termine entro il 2014.

Dalla fine di luglio 2012 il giardino ha visto una fase di apertura sperimentale al pubblico, resa possibile anche grazie al supporto di cittadini volontari, e l’attuazione di una serie di iniziative di animazione e monitoraggio; queste attività, promosse dall’associazione Acmos e dalla Biblioteca Primo Levi all’interno del progetto “Cosa Succede in Barriera?” del Programma Urban, hanno permesso di identificare, insieme ai fruitori del giardino, una serie di informazioni sui pregi, sui difetti e sulle potenzialità di questo nuovo luogo della città e del quartiere di Barriera.

E’ nata da questa raccolta di dati, suggestioni e suggerimenti, l’idea di far partire un’azione di coinvolgimento della cittadinanza per creare insieme un nuovo modo di essere “responsabili” di un luogo pubblico, con l’obiettivo di individuare e realizzare un programma di azioni che permettano al giardino di essere più vivibile, più sicuro, più ospitale, più bello e più ricco di attività.

L’assessore all’Innovazione, Sviluppo e Sostenibilità urbana, Enzo Lavolta, esprime la sua soddisfazione per l’apertura dello spazio verde. “Giunge finalmente a compimento un’opera di riqualificazione progettata dal servizio Verde Pubblico della Città, tanto attesa dalla cittadinanza – ha affermato Lavolta -. Dal 2006 a oggi le difficoltà, prevalentemente dovute alla contaminazione del suolo, occupato in precedenza dalla produzione industriale della Ceat, sono state numerose. A tal punto da rendere necessaria, in più occasioni, l’interruzione del cantiere”.

Prosegue l’assessore: “L’attenzione posta dalla divisione Ambiente e Territorio, anche attraverso opportune indagini, permette oggi di inaugurare una nuova area verde in Barriera di Milano, fruibile dai cittadini di tutte le età in piena sicurezza”.

Per presentare il nuovo giardino e i risultati del monitoraggio, e per avviare le prime fasi di questo lavoro è in programma una giornata articolata in due momenti:

Lunedì 10 settembre 2012

c/o Giardino ex Ceat, ingresso da via Leoncavallo 27

ore 11.30-12.30:

Taglio del nastro con il sindaco, Piero Fassino, e l’assessore alla Sostenibilità urbana, Enzo Lavolta

ore 16.00-18.00:

Passeggiata con le autorità e attività nel giardino.

Animazione per bambini; presentazione dei progetti “Il giardino è bello se…”, “Il giardino ti ascolta”, “Finiamo i compiti”, realizzati da ass. Acmos e Biblioteca Primo Levi; presentazione delle future iniziative di animazione del giardino, a partire dalle proposte raccolte; attività sportive con ass. Labor e a seguire merenda per tutti.

Parteciperanno:

Piero Fassino, Sindaco della Città

Enzo Lavolta, Assessore all’Ambiente, Verde Pubblico, Lavori Pubblici, Progetto Smart City

Ilda Curti, Assessore all’Urbanistica, Suolo Pubblico e Arredo Urbano, Politiche per l’Integrazione

Nadia Conticelli, Presidente Circoscrizione 6

Informazioni

Comitato Urban Barriera di Milano | corso Palermo 122, 10154 Torino

orario: lunedì-giovedì e venerdì ore 9.00-13.00 | martedì e mercoledì ore 14-18

telefono: 011 4420999 | mail: urbanbarriera@comune.torino.it | www.comune.torino.it/urbanbarriera

9 su 10 da parte di 34 recensori Torino, il giardino è bello se ce ne prendiamo cura Torino, il giardino è bello se ce ne prendiamo cura ultima modifica: 2012-09-06T15:49:17+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0