Canicattì, feto dato per morto invece è vivo

Nato prematuro (pesa 1,5 kg) si trova da sabato scorso in terapia intensiva, a Palermo, dove è giunto dal Barone Lombardo di Canicattì in provincia di Agrigento. Il piccolo è figlio di una coppia di immigrati nigeriani arrivati a Lampedusa.

Al suo ricovero a Canicattì, il sanitario di turno aveva diagnosticato la morte del feto. Ma la mattina seguente un medico ha rilevato la presenza di un battito cardiaco debole e deciso per un parto urgente anziché per l’aborto.