Il crollo del Pdl colpa di Mario Monti

“I nostri sondaggi ci danno al 21%, che non è molto ma non è neanche il 16-17%. Paghiamo la caduta del nostro Governo, paghiamo il sostegno a quello attuale, non abbiamo il prosciutto sugli occhi. Noi ci candidiamo alla guida di questo paese consapevoli che abbiamo una ricetta economica migliore del centrosinistra: meno debito pubblico, meno spesa pubblica e quindi meno sprechi; tutte queste cose insieme vogliono dire anche meno tasse”. Lo afferma Angelino Alfano, segretario del PdL.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin