Aversa, catturato il boss latitante Luigi Di Spirito

51 anni, ritenuto l’ attuale reggente del clan Puca, è stato arrestato dai Carabinieri. I militari del gruppo di Castello di Cisterna sono entrati in azione a Sant’Antimo pedinando un’auto a bordo della quale c’erano il cognato del latitante, Antonio Petito, 54 anni, e la sorella, Nicolina Di Spirito, 49. Nel centro abitato di Aversa l’auto si è fermata per farvi salire Luigi Di Spirito.

I Carabinieri hanno bloccato poco dopo il terzetto in via Kennedy, arrestando il boss latitante. Individuato anche il nascondiglio utilizzato da Di Spirito, Puca, un appartamento in via Dante Alighieri, ad Aversa. Il proprietario, Nicola Buoninconti, 44 anni, è stato arrestato per favoreggiamento.

Di Spirito era latitante dal 31 gennaio, ricercato sulla base di un’ordinanza di custodia cautelare del gip del Tribunale di Napoli per trasferimento fraudolento di valori insieme a Pasquale Puca ed a Lorenzo Puca, con l’aggravante di aver favorito il clan, che è attivo tra Sant’ Antimo, Casandrino e Grumo Nevano.

Il 2 giugno scorso Lorenzo Puca, 26 anni, era stato arrestato dai Carabinieri, in collaborazione con la polizia romena a Nadlac, in Romania, nei pressi del confine ungherese.

Di Spirito,  secondo gli investigatori, avrebbe preso il suo posto al vertice dell’ organizzazione criminale.

9 su 10 da parte di 34 recensori Aversa, catturato il boss latitante Luigi Di Spirito Aversa, catturato il boss latitante Luigi Di Spirito ultima modifica: 2012-06-23T09:27:37+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0