Retorbido, senza stipendio da otto mesi si impicca

Dramma del lavoro in provincia di Pavia dove un operaio metalmeccanico di 31 anni si è tolto la vita domenica scorsa. P. V. lavorava nella Brasilia, ditta specializzata nella produzione di macchine da caffé da più di 4 anni. Da 8 mesi era in cassa integrazione come gli altri 180 dipendenti dell’azienda, ma “nonostante gli accordi e le pressioni del sindacato, la Brasilia non pagava il trattamento Inps di cassa integrazione che corrisponde all’incirca a 800 euro al mese e nemmeno i salari dei dipendenti che lavoravano a rotazione”. Lo rende noto in un comunicato la Fiom-Cigl di Pavia.

“Abbiamo fatto di tutto per convincere l’imprenditore a pagare – dice Renzo Scinaldi, segretario Fiom Cgil di Voghera Oltrepò – lo abbiamo sollecitato in vari modi, con scioperi, presidi e articoli sulla stampa locale. L’abbiamo fatto chiamare dalla Prefettura e dalla Provincia. A metà marzo abbiamo fatto un incontro durante il quale lui ha firmato una lettera in cui si impegnava a pagare gli stipendi”. Ma la promessa di rispettare quanto previsto sarebbe rimasta tale.

9 su 10 da parte di 34 recensori Retorbido, senza stipendio da otto mesi si impicca Retorbido, senza stipendio da otto mesi si impicca ultima modifica: 2012-06-20T05:35:23+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento