Violenti scontri davanti Montecitorio tra manifestanti anti Fornero e Forze dell’Ordine

La protesta dei precari e degli studenti di “Occupy Fornero” è sfociata in scontri, con il lancio di sampietrini da parte dei manifestanti e le cariche delle forze dell’ordine. Un agente è rimasto ferito.

Il popolo di Occupy Fornero, ovvero i precari e studenti che ieri si erano accampati al Pantheon, si sono radunati davanti Montecitorio. Dopo un primo tentativo di “sfondamento” da un lato della piazza, e conseguenti momenti di tensione, i manifestanti sono stati contenuti dalle forze dell’ordine. Allora, ai blindati, i manifestanti hanno anteposto un ironico lancio di palloni da calcio bianco e neri all’insegna dello slogan “no al rigore”. “Siamo contro il rigore di Monti, la crisi non possiamo pagarla noi”, dicono i giovani, che tengono striscioni che inneggiano allo “sciopero generale”.

La tensione è iniziata quando una quarantina di manifestanti hanno tentato di sfondare il cordone per avvicinarsi all’ingresso di Montecitorio, dalla parte di via degli Uffici del Vicario, c’é stata una carica di contenimento delle forze dell’ordine. Alcuni dei manifestanti denunciano di essere stati “manganellati e colpiti”.

Il primo contatto tra manifestanti e forze dell’ordine c’e stato a piazza Capranica quando un gruppo ha tentato di forzare il cordone con l’intento di entrare a Montecitorio. Alla carica di contenimento i manifestanti hanno replicato con un lancio di fumogeni e sampietrini. Un agente è rimasto ferito.

I manifestanti si sono poi allontanati da piazza Montecitorio dando fuoco ad alcuni fumogeni ed intonando cori contro il governo Monti e la Bce. Un gruppo di loro ha formato una sorta di testuggine con scudi di cartone. Hanno quindi fatto ritorno al loro quartier generale cioé il Pantheon dove ieri avevano iniziato la loro protesta contro “politica del rigore”.

Lascia un commento