Io sono crotonese – Io sono italiano, Napolitano apprezza

 Recentemente l’Amministrazione comunale di Crotone, dietro impulso del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha approvato il regolamento sull’iniziativa “Io sono crotonese – Io sono italiano” che intende concedere  un attestato  di cittadinanza simbolica ai bambini nati da genitori stranieri nel territorio cittadino.
Oggi una nota diramata dalle sede municipale del capoluogo ci informa che Napolitano ha apprezzato detta iniziativa  indirizzando al sindaco Peppino Vallone una lettera con la quale esprime le sue congratulazioni: “l‘attribuzione della cittadinanza onoraria può rappresentare un prezioso contributo per un’opera di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul tema, anche se tale provvedimento non ha ovviamente un valore giuridico ma solo simbolico. L’iniziativa ha, tuttavia, il merito di riconoscere le seconde generazioni come parte integrante della nostra società. È evidente, come ho più volte rilevato il disagio di tutti quei giovani che, nati o cresciuti nel nostro Paese, rimangono troppo a lungo legalmente “stranieri” nonostante siano, e si sentano, italiani nella loro vita quotidiana. E’ auspicabile che queste iniziative costituiscano uno stimolo ad una seria ed approfondita riflessione anche in sede parlamentare, per una possibile riforma delle modalità e dei tempi del riconoscimento della cittadinanza italiana ai minori stranieri. Cordialmente. Giorgio Napolitano”. Vallone si dice, ovviamente, molto soddisfatto
e scrive: “Grazie per aver evidenziato la legittima aspirazione di chi si sente italiano essendo nato nel nostro paese e grazie per aver apprezzato l’iniziativa della città di Crotone”.
“Le parole del Capo dello Stato  – conclude ilsindaco -confortano il nostro intendimento e ci sostengono nel proseguire nel percorso che abbiamo intrapreso. La città di Crotone si sente onorata della vicinanza e dell’attenzione del Presidente Napolitano”. 
 

 

 

 

 
 

 

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento