Crotone, nuova amministrazione provinciale Camposano e Cosimo in pole-position

Nell’attesa della nomina della nuova giunta, in consiglio si è costituito il gruppo (UpC) Unione per Cutro formato da tre consiglieri di partiti diversi.

Dopo il responso della commissione d’accesso che ha dichiarato inesistenti le infiltrazioni mafiose alla Provincia, il presidente Stanislao Zurlo è ora alle prese con l’azzeramento della Giunta che, stando a quanto lui stesso ha dichiarato, dovrebbe avvenire la prossima settimana.

Se tutto procederà per il giusto verso e non ci saranno intoppi lungo il percorso, la fine dell’attuale amministrazione tecnica dovrebbe avvenire a giorni. Ma sarà un percorso privo di ostacoli? Da informazioni avuti da alcuni consiglieri provinciali sembrerebbe di no.

Da dove dovrebbero arrivare questi intoppi?

Diciamo innanzi tutto che i primi due nomi che circolano quali possibili nuovi assessori sono quelli di Salvatore Claudio Cosimo (Fli) e Vincenzo Camposano (Pdl) di provenienza Pe verso il Pdl.

Per il primo si tratterebbe di un ritorno giacché ha già ricoperto la carica di assessore nella prima giunta Zurlo con delega ai lavori pubblici (viabilità e infrastrutture); pianificazione territoriale; urbanistica; protezione civile.

Il suo ritorno potrebbe essere letto anche per riallacciare i rapporti tra Fli ed il centrodestra, essendo Cosimo coordinatore provinciale del partito di Gian Franco Fini.

Chi non vede di buon occhio l’eventuale nomina sarebbe la coordinatrice regionale, onorevole Angela Napoli, che con il centrodestra calabrese non intende dialogare. 

Per quanto riguarda Vincenzo Camposano si concretizzerebbe una nomina che avrebbe dovuto esserci già con la formazione della seconda giunta. Non è stato così perché è considerato un politico e la seconda giunta doveva essere tecnica. Dovrebbe prendere il posto dell’assessore Bottaro che, come Camposano, fa parte dell’area ex Pe all’interno del Pdl, il cui responsabile provinciale è il consigliere regionale Salvatore Pacenza.

Per facilitare tale passaggio è stato chiesto alla Bottaro di rassegnare le dimissioni prima ancora della discussione per la formazione della nuova giunta. Sarà così? Sembrerebbe che ci siano difficoltà a concretizzare questa linea.

Altro intoppo per Zurlo, a proposito della nuova amministrazione, arriva dai tre componenti che hanno formato il nuovo gruppo UpC, si tratta di Muto Ferdinando (Pdl); Caterisano Pietro (Fli); Le Rose Pasqualino (Udc). Questi chiedono una postazione in giunta in rappresentanza del loro territorio, Cutro.

Insomma, passata la tempesta della commissione d’accesso che ha tenuto sulla testa del consiglio provinciale la spada dello scioglimento, ora si presenta per Zurlo il nodo della formazione della nuova amministrazione di non facile risoluzione.

 

Lascia un commento