Piana di Gioia Tauro listata a lutto per la morte del candidato sindaco Anastasi

Lutto a Rizziconi ed in tutta la piana reggina per la tragica scomparsa di Raffaele Anastasi, di 62 anni, candidato sindaco a Rizziconi, colpito da un infarto mentre teneva un comizio nella cittadina, morto mentre veniva portato in ospedale. Anastasi, funzionario della Regione Calabria, era già stato sindaco di Rizziconi negli anni ’80. Si era ricandidato alla carica di primo cittadino con la lista civica “Uniti per Rizziconi”.

Anastasi si è improvvisamente accasciato mentre parlava. E’ stato soccorso da alcune delle persone che assistevano al comizio, tra cui alcuni medici. I soccorritori hanno provato a rianimare Anastasi, ma, resisi conto della gravità della situazione, hanno chiamato un’ambulanza. Anastasi soffriva di cuore ed alcuni anni fa aveva già avuto un infarto. Anastasi, durante il suo intervento, aveva avvertito dei suoi problemi di cuore esprimendo il timore che la sua patologia potesse provocargli problemi in caso di elezione.

Circa un mese fa era stato ricoverato, sempre per problemi cardiaci, prima nell’ospedale di Polistena e poi in quello di Catanzaro Raffaele Anastasi era una persona benvoluta e molto nota a Rizziconi. Al pronto soccorso dell’ospedale di Polistena, dopo che si è diffusa la notizia della sua morte, si sono raccolte decine di persone tra cui anche altri candidati a sindaco.

Ci sarebbe stato un ritardo nell’arrivo dell’ambulanza del 118 chiamata per soccorrere Raffaele Anastasi. A riferirlo sono stati alcuni testimoni. Quando già erano trascorsi venti minuti da quando era stato dato l’allarme, le persone che avevano soccorso Anastasi hanno deciso di chiamare un’ambulanza privata, che è giunta poco dopo ed a bordo della quale il candidato sindaco è morto mentre veniva portato nell’ospedale di Polistena. L’ambulanza del servizio pubblico è poi arrivata dopo circa mezz’ora sul posto, ma a quel punto il candidato sindaco era stato già prelevato dal mezzo di soccorso privato.

Lascia un commento