Monti ottiene appoggio partiti su riforma del lavoro

Oltre 5 ore di vertice tra il Premier Mario Monti e i leader della maggioranza. Crescita, ddl-anticorruzione, accelerazione sulla riforma del lavoro. Questi i temi affrontati durante l’incontro. “Tutti si sono detti d’accordo sulla necessità di lavorare insieme per la crescita – ha spiegato una fonte ministeriale -. E’ stata riaffermata la ferma determinazione ad approvare la riforma del mercato del lavoro nei tempi più brevi”.

Un patto per la crescita. E’ quello che hanno siglato Angelino Alfano, Pieferdinando Casini e Pierluigi Bersani con il Premier Mario Monti. Il vertice a palazzo Chigi è iniziato con l’illustrazione del ministro Paola Severino sul ddl-anticorruzione, è continuato poi sulla riforma del lavoro e si è poi concluso sul tema della crescita.Quasi tre ore dell’incontro sono state spese per affrontare il capitolo sviluppo. Il Ministro Passera ha illustrato un piano sulla crescita che prevede, tra l’altro, il decreto sulla revisione degli incentivi, l’intesa con le banche per lo sblocco dei pagamenti della pubblica amministrazione alle imprese e il rilancio delle opere infrastrutturali. Verranno sbloccati investimenti ma senza un masiccio coinvolgimento degli enti locali, ovvero il patto di stabilità non verrà toccato, riferiscono alcuni partecipanti alla cena di lavoro. Del resto il premier Monti ha già fatto sapere ad Alfano, Monti e Casini che soldi in cassa non ce ne sono e che le risorse vanno destinate per raggiungere il pareggio di bilancio.

Il presidente del Consiglio, riferiscono le stesse fonti, ha chiesto ai rappresentanti di PdL, Pd e Terzo Polo la massima condivisione possibile sui provvedimenti in Parlamento. Per questo motivo si è deciso “un raccordo periodico” tra esecutivo e gruppi parlamentari.

Al vertice è stata ribadita l’intesa sulla riforma del mercato del lavoro. C’e’ l’impegno da parte dei segretari di garantire per l’accelerazione dell’iter del provvedimento. “E’ stato un incontro molto positivo”, ha fatto sapere il Professore. Positivo anche il giudizio di Bersani che ora attende il governo alla prova dei fatti. “Si vedrà nei prossimi giorni cosa il governo intende fare in concreto”, hanno spiegato fonti del Pd. Anche per Angelino Alfano l’incontro è andato bene.

Al vertice non si sarebbe parlato né di ‘beauty contest’ né di Rai. All’incontro a palazzo Chigi erano presenti i ministri Giarda, Passera, Moavero, Severino, Fornero e Patroni Griffi. Bersani, Alfano e Casini hanno avanzato, sottolineano le stesse fonti, alcune proposte per rilanciare lo sviluppo e hanno assicurato il sostegno dei partiti della maggioranza all’esecutivo.

Mario Monti esprime soddisfazione per l’esito del vertice con i partiti della maggioranza e attribuisce al rinnovato sostegno da parte dei leader di PdL, Pd e Udc la valenza di un “nuovo patto politico” che consentirà all’esecutivo di procedere con il piano di riforme. E’ quanto riferiscono autorevoli fonti di governo. “L’evidenza che si è praticamente siglato un nuovo patto politico fra il governo e i partiti della maggioranza – ha precisato un ministro presente all’incontro – è data dal fatto che i leader hanno convenuto sulla necessità di arrivare il più in fretta possibile al varo della riforma del lavoro, ma anche dalla volontà di trovare un’intesa anche sul delicato tema della giustizia”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Monti ottiene appoggio partiti su riforma del lavoro Monti ottiene appoggio partiti su riforma del lavoro ultima modifica: 2012-04-18T01:48:49+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento