Rai1 omaggia Mino Reitano in prima serata

Il progetto televisivo “Avevo un cuore che ti amava tanto”, legato al ricordo di Mino Reitano, ideato e fortemente voluto dalla moglie Patrizia e dalle sue figlie, su un desiderio del cantante, andrà in onda, condotto da Massimo Giletti. Sarà inaugurato un monumento in suo onore a Reggio Calabria.

L’appuntamento è per sabato 14 aprile 2012 alle ore 21:10 in prima serata su RaiUno per un programma dalla gestazione travagliata e più volte rinviato. Avrebbe dovuto essere trasmesso, come annunciato, a marzo, nei giorni successivi del Festival, e registrato a Sanremo, ma per motivi non noti è stato posticipato e realizzato negli studi De Paolis di Via Tiburtina a Roma.

Resta, comunque, la lodevole intenzione di rendere omaggio, a tre anni dalla scomparsa, ad un artista genuino e sincero, rimasto nel cuore di numerosi fans, con racconti e testimonianze di amici e colleghi e una ricerca accurata di filmati inediti o di partecipazioni televisive reperite negli archivi della Rai.

Ci saranno ospiti illustri, come Gianni Morandi e Massimo Ranieri, i colleghi con i quali ha “rivaleggiato” in alcune edizioni della mitica “Canzonissima”, che rievocheranno quei tempi, proponendo un repertorio storico musicale, impreziosito dalla presenza di una grande orchestra di oltre 30 elementi diretta dal Maestro Renato Serio. A loro si affiancheranno anche Gigi D’Alessio e numerosi esponenti del mondo della cultura, dello spettacolo, della televisione e dello sport, tra i quali Mara Venier e Rino Gattuso.

Presente in studio la moglie Patrizia, ad affiancare il conduttore, per una serata all’insegna di grandi emozioni e un’occasione per far conoscere Mino Reitano anche alle nuove generazioni.

E sabato 28 aprile alle ore 16:30, sarà inaugurato il monumento dedicato a Mino Reitano, all’interno di Piazza Indipendenza di Reggio Calabria. La posa avverrà alla presenza delle massime autorità, della moglie Patrizia, delle figlie, dei fratelli e dei tantissimi fans.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento