Lega Nord, Roma ladrona ha colpito ancora

Molti secoli orsono tra i partiti politici di allora si fece strada un nuovo movimento detto “Lega” poi successivamente divenuto partito politico alla guida del quale c’è stato fino a ieri il Signor Bossi Umberto.

L’acqua della sorgente del Po, l’elmetto cornuto, la Padania, il senato della Padania, gli ingressi trionfali a Venezia su una nave, insomma una macchina propagandistica importante che nulla aveva da invidiare a quella Joseph Paul Goebbles del Terzo Reich.

Urlava e sbraitava quest’uomo a destra e a manca “…noi non ci faremo corrompere da Roma Ladrona…”  Si,si, si, a parole sono tutti ugualmente bravi, tutti buoni, tutti onesti e perfetti, tutti a disposizione di quel popolo che mi rifiuto anche di scrivere oltre che menzionarlo; ma quando mai, ma quando mai! Caro Umberto la verità dilla fino infondo, dai…ti sei lasciato beccare mentre stavi leccando il cucchiaio ancora sporco di nutella. Ma che significano le tue dimissioni, scusa? Meglio sarebbe stato che tu fossi rimasto inchiodato su quella poltrona che spetta ai condottieri quale tu credevi essere ed affondare assieme alla tua nave! Ed invece hai rassegnato le dimissioni…. Ma i soldi, il denaro, quando lo restituirai semmai fosse accertato che quanto è stato divulgato corrispondesse alla verità?

E dimmi caro Umberto ma tuo figlio Renzo che guadagna 12000 € al mese che incarico di responsabilità così grosso e grave ricopre? Ma non è che magari perché è tuo figlio abbia avuto davanti a se la strada spianata, e poi mi spieghi come minchia abbia fatto a prendersi la laurea se non capisce niente? ….Scusami il lapsus, ….. comprata a suon di cartoni provenienti dalle casse della Lega!

Nella scheda biografica del sito personale del tuo figliolo, alla voce “professione”, c’è ancora scritto “studente”. Sì, ma dove studia esattamente tuo figlio Renzo Bossi? Mistero! Ma almeno il diploma, strappato con grande difficoltà dopo tre bocciature, quello si sa dove l’ha preso il Trota? No, mistero anche quello!

A Roma Ladrona, Renzo che nel 2008 viene bocciato nuovamente all’esame di maturità presso il Collegio arcivescovile Bentivoglio di Tradate; partecipa alle riunioni dei capi leghisti col Premier Berlusconi, ai vertici economici col Ministro dell’Economia Tremonti, a quelli sulla riforma della giustizia a Palazzo Grazioli, insomma ai più alti consessi del Governo, come se ci capisse qualcosa! In effetti più dell’economia studiata in qualche università sembra lo appassionino altre cose: il calcio, le belle auto e le belle sventole padane. Grazie ai 12000 euro di stipendio da consigliere della Regione Lombardia il tuo Renzo gira tra Milano e Gemonio con un vistoso Suv Audi, ha in uso anche una Bmw X5, mentre con l’amico Valerio Merola (detto Merolone per certe qualità anatomiche) è stato visto girare per discoteche su una Lamborghini.

Ma quanti laureati molto più onorevoli di tuo figlio guadagnano 12000 € al mese? Semmai puzzano di fame e disperazione…. E dire che avete avuto anche il coraggio di chiamarli Bamboccioni e tuo figlio Renzo che de?

Sapete cosa vi dico? Fa tutto schifo, è tutto uno schifo! E’ tutta una presa per il culo da destra a manca, sono tutti uguali, tutti sconfitti dalla loro stessa cupidigia, tutti con le mani sporche di merda, tutti capaci di venire ad imporci ristrettezze economiche. Il nostro disonore è quello di averli lì a Roma, il disonore di doverli ascoltare in tutti i tg, il disonore di leggere di loro, il disonore di consumare tanta carta, quando basterebbero: una benda nera, una sedia ed un palo, un plotone d’esecuzione e una ricevuta fiscale per i proiettili esplosi da presentare agli eredi o parenti vicini per il risarcimento.

Dovete sapere voi a Roma che noi tutti (non posso scrivere Popolo, mi viene da vomitare) siamo stufi ed esasperati, non ne possiamo più di voi, delle vostre ruberie, delle vostre malefatte e del guaio che voi non andate mai in galera e, non solo, ma anche del fatto che non restituite mai un cazzo di euro indietro.

Andate tutti al diavolo con la nostra benedizione.

Lascia un commento