Per festività pasquali traffico sostenuto ma no criticità su Autovie Venete

Prove generali di vacanze sulla rete autostradale di Autovie Venete. Il periodo delle festività pasquali, infatti, è il primo dell’anno all’insegna degli spostamenti di corto e medio raggio. L’incremento della circolazione comincerà già da domani, venerdì 6 aprile, a partire dalla tarda mattinata, soprattutto sulla A4, in direzione Trieste, con i consueti, possibili rallentamenti alla barriera di Trieste Lisert. Tranquille, invece, le giornate di sabato 7 e domenica 8 (Pasqua).

Per quanto riguarda lunedì 9, “Pasquetta”, se le condizioni meteorologiche saranno favorevoli, è previsto traffico sostenuto da gita fuori porta. I punti a maggior intensità, ancora la barriera di Trieste Lisert ma anche i caselli di Udine Sud, di Latisana e San Donà di Piave, sia in entrata sia in uscita. Lo stop alla circolazione per i mezzi pesanti, superiori alle 7 tonnellate e mezza,  sarà attivo da venerdì 6 aprile nella fascia oraria compresa fra le  14 e le 22, sabato 7 dalle 8.00 alle 16, domenica 8 e lunedì 9 aprile dalle 8 alle 22 e martedì 10 aprile dalle 8 alle 14. La giornata più impegnativa sarà martedì 10, soprattutto nel pomeriggio, per la ripresa del traffico pesante che potrebbe causare qualche rallentamento sul tratto Sistiana – Monfalcone e sul raccordo Villesse – Gorizia in direzione Villesse. 

Tutte le informazioni sul traffico in tempo reale, sono disponibili sul sito www.autovie.it (anche mobile), che Autovie consiglia di consultare prima di partire, oppure si possono ottenere  chiamando il risponditore automatico 0432 – 925111 o il numero a pagamento 89 24 89 del Centro Informativo Viaggiando.

Lo comunica Autovie Venete

9 su 10 da parte di 34 recensori Per festività pasquali traffico sostenuto ma no criticità su Autovie Venete Per festività pasquali traffico sostenuto ma no criticità su Autovie Venete ultima modifica: 2012-04-05T20:27:04+00:00 da Paola Treppo
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento