Crotone in quel di Padova, Reggina lunedì al Granillo si gioca l’ingresso nei play-off contro il Brescia

Il conto alla rovescia delle ultime dieci partite inizierà da venerdì 30 marzo con il derby Verona-Cittadella il cui risultato (imprevedibile trattandosi di un derby) riguarderà l’alta classifica per gli scaligeri. La squadra di mister Mandorlini non può permettersi un altro stop dopo quello di Nocera la scorsa settimana per non distanziarsi troppo dalla seconda posizione.

Tra le partite di sabato 31 marzo Albinoleffe – Vicenza, spareggio play-out a cui guarda con interesse l’Empoli dovendo ospitare la leader del girone, Torino, difficile da battere dopo la sestina di gol rifilati al Gubbio la scorsa settimana. I campani della Juve Stabia (peccato per i 4 punti di penalizzazione) renderanno la vita difficile al Varese in piena zona play-off e decisi a rimanerci. I lombardi dovranno, però, fare i conti con gli uomini di mister Braglia in ottima forma. Il ritorno alla vittoria lo chiede ai suoi uomini anche mister Zeman, sul terreno del San Nicola contro il Bari, dopo la sconfitta di Ascoli per non abdicare dalla seconda posizione che dà diritto alla diretta promozione. Stesso discorso vale per il Sassuolo. Gli emiliani di mister Pea intendono rimanere in seconda posizione anche dopo la trasferta di Grosseto. La lanciatissima Sampdoria sarà un ostacolo quasi insormontabile perla Nocerinafanalino di coda. Un eventuale successo dei campani riaprirebbe l’argomento della diretta retrocessione.

Il Crotone di mister Drago, dopo aver conquistato la prima vittoria con cinque gol, dovrà dimostrare la non casualità della buona prestazione fatta nella precedente giornata in quel di Padova.

Il momento è quello giusto per mettere in difficoltà i veneti quinta forza del campionato e decisa a non mollare la zona play-off. La goleada messa a segno contro l’Albinoleffe la precedente giornata (cinque gol realizzati dai tre attaccanti) è il biglietto da visita che i rossoblù esibiranno ai veneti. Padova attento, quindi, al Crotone che in fatto di gol, dieci in tre partite, è la squadra più prolifica. Nessuna ha fatto meglio tra le prime della classifica in altrettante giornate. Il Pescara, che vanta il migliore attacco del girone con 64 gol, ne ha realizzato soltanto tre.

Ora si guarda alla prossima partita con l’intento di non interrompere la striscia positiva delle sette giornate ed aumentare o mantenere inalterato il distacco dei cinque punti dalla zona play-out. L’entusiasmo creatosi attorno ai rossoblù con l’ultimo successo è l’arma in più per affermare che disputeranno un bel finale di stagione.

Il trio d’attacco, composto da Sansone, Calil, Gabionetta, è sempre più motivato ad incrementare il numero dei gol segnati. Calil si trova a due sole lunghezze dall’ex Cutolo che con la maglia del Crotone ne ha realizzato quattordici la passata stagione.

Gabionetta è a quota cinque ed in grado di uguagliare o superare i nove gol realizzati con il Crotone stagione 2009/2010.

Cinque gol anche per Sansone a segno nelle ultime due giornate. Poi c’è la rivelazione del campionato che risponde al nome di Florenzi, centrocampista inamovibile dell’Under21, asegno otto volte. Oltre alla Roma che detiene il cartellino, sono interessati al centrocampista altre grosse squadre della massima serie.

Sabato prossimo i sopracitati dovrebbero essere in campo insieme al portiere Belec, ai difensori esterni Correia e Mazzotta, ai difensori centrali Vinetot e Abruzzese, al centrocampista Galardo. Unico dubbio la presenza di Eramo per motivi fisici. Se non sarà della partita, al suo posto potrebbe rientrare fin dall’inizio De Giorgio o Maiello, ma sarebbe il primo ad avere più possibilità di scendere in campo. Qualche piccola possibilità d’essere della partita anche per Migliore tornato ad allenarsi con i compagni da qualche giorno.

Dalla parte avversa mister Dal Canto è in dubbio se far giocare fin dall’inizio l’ex Cutolo in attacco o confermare coloro che hanno vinto a Vicenza ad esclusione dello squalificato Trevisan il cui posto in difesa dovrebbe essere occupato da Schiavi. Di sicuro sarà presente l’altro ex, il difensore Legati.

Un incontro, a detta del tecnico rossoblù Drago “importante e quasi decisivo per le due squadre ai fini della classifica per opposti motivi”.

Chiude la trentatreesima giornata Reggina – Brescia, lunedì 2 aprile 2012.

La squadra dello stretto ha ancora margine per rientrare nel giro play-off, ma lo dovrà fare iniziando a battere i lombardi interessati in eguale misura agli spareggi promozione.

Lascia un commento