Io sono crotonese – io sono Italiano, la Marco Polo plaude

La recente approvazione, da parte del Consiglio comunale di Crotone, del Regolamento “Io sono crotonese – io sono Italiano” che prevede la concessione di un attestato simbolico di cittadinanza per i bambini nati nella città pitagorica, viene salutata con plauso dall’Associazione “Marco Polo” della stessa città. Gli associati così scrivono in una nota. “A Crotone, esistono 152 bambini, di cui 80 femmine e 72 maschi, figli da genitori stranieri di nazionalità: Albanese 2, Algerina 6, Britannica 2, Bulgara 4, Cinese 26, Indiana 4, Filippina 2, Irachena 2, Marocchina 8, Pakistana 1, Polacca 5, Rumena 33, Serba 38, Cingalese 4, Siriana 1, Ucraina 8, Russa 1, Statunitense 1, Bangladesh 5. Con tale provvedimento, la politica locale, ha dimostrato un grande senso di civiltà, in sintonia con Comuni che hanno già deliberato lo stesso riconoscimento”. Ma non può bastare perchè come scrivono: ” adesso tocca alla politica nazionale provvedere a modificare la legge 91 del 5 febbraio 1992 (G.U. n. 38 del 15.02.1992) sulla cittadinanza, perché l’integrazione è un tema centrale di quest’epoca. Nell’interesse del Paese, della generazione dei bambini immigrati e delle loro famiglie. L’Italia, da diversi decenni, ormai non è più un Paese di grande emigrazione. È diventata un Paese di immigrazione, Una nazione multietnica, e quindi multiculturale e multi religiosa. .La popolazione straniera residente in Italia, fonte Istat,  è di 4.570.317. abitanti.  Tra mezzo secolo – chiarisce l’ultimo rapporto Istat – quasi un quarto della popolazione presente sul territorio italiano sarà composto da stranieri.” Pertanto ” i dati reali e gli scenari futuri impongono un radicale cambio di mentalità e di strategia, a livello nazionale e locale”. Insomma per la Marco Polo ” abbiamo bisogno di una politica dell’immigrazione come risorsa e non come problema. Il che significa innanzitutto conoscere gli immigrati, e poi non discriminarli. Capire, per esempio, che l’attuale normativa sulla cittadinanza è completamente sbagliata: perché considera la democrazia come un concetto non assoluto ma relativo, addirittura un privilegio di alcuni. Un milione di bambini, venuti al mondo nel nostro Paese, in ospedali italiani, figli di immigrati che hanno scelto di vivere e lavorare qui, iscritti alle nostre scuole, non potranno diventare cittadini italiani. Come definire , se non italiani, questi bambini? Non si può immaginare un Paese che non c’è più, ma partire dall’Italia che esiste. E che può diventare più inclusiva oppure ancora più egoista e far prevalere la solitudine. L’egoismo di pensare che ognuno può farcela da solo. Adesso va ripensato un nuovo modello di sviluppo e mettere al centro temi fondamentali come la cittadinanza, l’integrazione e la coesione sociale”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Io sono crotonese – io sono Italiano, la Marco Polo plaude Io sono crotonese – io sono Italiano, la Marco Polo plaude ultima modifica: 2012-03-30T11:22:10+00:00 da Mimmo Stirparo
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento