Confcommercio Fvg scrive a Tondo per sconto benzina anche aprile

«La Regione ha visto rientrare risorse considerevoli su Iva e accise. Sarebbe opportuno che, pur nella consapevolezza della rigidità del bilancio, provvedesse a prolungare anche ad aprile la misura di incremento degli sconti che così bene ha funzionato a febbraio e marzo». Pio Traini, presidente regionale di Confcommercio, non accetta il passo indietro del vicepresidente Luca Ciriani che ha annunciato il ritiro dell’intervento regionale per 6 centesimi sulla vendita della benzina in Friuli Venezia Giulia. Traini fa sapere di aver scritto in merito, oltre che a Ciriani, anche al presidente della Regione Renzo Tondo per rimarcare l’urgenza di una risposta concreta.

Secondo Confcommercio, «la Regione dovrebbe reinvestire i maggiori introiti di Iva e accise per proseguire con un provvedimento che si è rivelato virtuoso per tutti: per le casse pubbliche, i cittadini e una categoria in grande sofferenza come quella dei gestori di impianti di carburante. Gestori – sottolinea Traini – che hanno sopportato una doppia tassazione nel momento in cui, per assecondare la delibera regionale e offrire al cliente un prezzo alla pompa inferiore a quello sloveno, hanno accettato di abbassare il loro margine. E, nel contempo, hanno pure fatto pressione, con successo, sulle compagnie petrolifere per una ulteriore riduzione di prezzo ».

Traini, nell’attesa che in un senso o nell’altro Roma decida di rispondere al pressing dei parlamentari eletti in regione che chiedono via emendamento al governo 15 milioni di euro per i prossimi 6 mesi, contributo una tantum per contenere i danni «prima di un opportuno aumento della compartecipazione regionale sulle accise sui carburanti», rimarca come «auspicabile una sforzo della giunta Tondo che sarebbe a totale beneficio della Regione e, non dimentichiamolo, anche dello Stato».

Lascia un commento