Al lavoro per dare più potere al Premier

Meno parlamentari; più poteri al Premier; si alla sfiducia costruttiva; semplificazione delle procedure parlamentari.

I “saggi” confermano il testo che, lo scorso 4 marzo, aveva segnato la conclusione del lungo lavoro di modifica della seconda parte della Costituzione e che ora, con l’ultimo via libera, sarà presentato al Senato in commissione Affari costituzionali sotto forma di emendamento alle proposte già incardinate.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin