Monti insiste nello smantellamento dei diritti dei lavoratori

Il Parlamento “è sovrano” e il rispetto per decisioni che coinvolgono lavoro, sindacati e “l’elemento umano”, è fuori discussione. Altrettanto ferma è però la posizione di Mario Monti nel difendere la riforma del mercato del lavoro uscita da Palazzo Chigi, tanto da auspicare che i tempi della sua attuazione da parte delle Camere siano “non troppo lunghi” e che il risultato finale sia “il più vicino possibile a quanto abbiamo presentato”.

“Quando si tratta di lavoro, di sindacati, di forze sociali, di elemento umano il rispetto per tutti i soggetti coinvolti nella consultazione è grande. Ci rendiamo conto delle difficoltà di ciascuno “ante” e del fatto che alla fine deve essere il Parlamento a decidere. E’ responsabilità del Governo presentare una proposta equa e abbastanza incisiva e prospettare al Parlamento le ragioni per le quali, pur essendo il Parlamento sovrano, cerchiamo di avere un risultato finale in tempi non troppo lunghi”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin