Aiuti e Contributi a famiglie a Magnano in Riviera

Ammontano a 50mila e 882 euro i fondi che il Comune di Magnano in Riviera ha erogato a 200 tra singoli e famiglie residenti aventi diritto ad aiuti economici nel 2011. Si tratta di somme messa a disposizione non solo dal Municipio ma anche da altri Enti che, però, transitano comunque attraverso gli Uffici del Comune, gestori delle pratiche di raccolta delle domande presentate dai residenti.

Sul fronte bonus energia, 63 sono stati i beneficiari mentre 4 i cittadini che sono rientrati nella fascia di ottenimento di contributo per l’abbattimento del canone di locazione.

Sul fronte bonus bebè, invece, 4 famiglie hanno avuto accesso all’aiuto previsto dalla legge e, sempre in area famiglia, 6 i nuclei che hanno ricevuto assegni di maternità e/o per realtà familiare numerosa (questi ultimi aiuti arrivano dall’Inps). Una sola procedura ha interessato, l’abbattimento della retta per l’asilo nido, mentre per la mensa scolastica gli aiuti sono stati più numerosi, a vantaggio di 32 richiedenti (2010-2011).

Per i giovani, importante l’iniziativa dell’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Mauro Steccati, delle borse di studio per ragazzi meritevoli, per riconoscere il loro impegno e spronarli a migliorare ancora continuando gli studi (6 beneficiari). E sempre per la fascia di popolazione giovane, il Comune ha attivato il progetto Borse lavoro, per dieci tra ragazzi e ragazze, finalizzato a una sempre maggiore integrazione e aggregazione.

Diverse famiglie hanno chiesto un aiuto per pagare la tassa rifiuti: i beneficiari totali sono stati 72 (dal primo gennaio 2010 al 31 dicembre 2011).

Due i beneficiari residenti a Magnano, infine, dei contributi previsti dalla legge per l’invalidità di lavoro (Anmil).

9 su 10 da parte di 34 recensori Aiuti e Contributi a famiglie a Magnano in Riviera Aiuti e Contributi a famiglie a Magnano in Riviera ultima modifica: 2012-03-23T21:28:47+00:00 da Paola Treppo
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento