La Cgil proclama 16 ore di agitazione contro la riforma del lavoro

Otto ore per uno sciopero generale con manifestazioni territoriali e otto per assemblee. E’ questa la proposta della segreteria della Cgil al direttivo del sindacato, ora riunito, contro la riforma del mercato del lavoro e le modifiche all’articolo 18

“Abbiamo il dovere di portare a casa dei risultati prima che si avvii un biennio di espulsioni di massa nelle aziende”. Così il segretario confederale della Cgil, Fulvio Fammoni, aprendo il direttivo e proponendo il pacchetto di 16 ore di sciopero, contro la riforma del mercato del lavoro, in particolare per la difesa dell’articolo 18.

“In ogni caso non so se di accordo si può parlare”. Così Pier Luigi Bersani, intervenuto ad una manifestazione dei sindaci marchigiani a piazza Montecitorio.

“Ha intenzione di dinamizzare il mercato del lavoro, corrisponde al nostro obiettivo di creare un mercato più dinamico e la sua direzione è degna di sostegno”, ha detto oggi il commissario Ue all’Occupazione Lazlo Andor, precisando come la riforma abbia un'”ambizione notevole”.

“Una follia che cancella l’articolo 18”: così il leader della Fiom, Maurizio Landini, secondo cui la riforma sul lavoro “non riduce la precarietà, non estende gli ammortizzatori ma rende solo più facili i licenziamenti. La contrasteremo con ogni mezzo, con ogni forma di protesta democratica, nelle fabbriche e nel Paese”.

La riforma del mercato del lavoro, articolo 18 compreso, passa senza l’accordo firmato dalle parti sociali. Il Governo ricorre alla strada del “verbale” per registrare le varie posizioni in campo, su cui si baserà la proposta che presenterà al Parlamento. Con uno strumento legislativo che va deciso: potrà essere un disegno di legge delega o un decreto. E, intanto, si apre lo scontro con la Cgil, che giudica l’impianto “totalmente squilibrato” e incentrato “unicamente sui licenziamenti facili”, dice il numero uno Susanna Camusso. Che promette battaglia e mobilitazione. “Faremo tutto ciò che serve per contrastarla”. Sull’altro fronte, dalla Cisl con il segretario generale Raffaele Bonanni arriva “un giudizio positivo” sulle linee guida; per la Uil di Luigi Angeletti un giudizio positivo passa, invece, per modifiche da apportare, a partire dal capitolo dei licenziamenti disciplinari ed economici.

L’Ugl parla di un impianto nel “complesso condivisibile”, con un “giudizio sostanzialmente sofferto ma responsabile”. Confindustria, con il presidente Emma Marcegaglia, spiega di aver “dato una adesione complessiva all’architettura, ma rimane del lavoro da fare su alcuni punti”. Una “prima valutazione positiva” c’é anche da parte di Rete imprese Italia. Per giovedì 22 marzo è fissato un nuovo incontro tra Governo e parti sociali, l’ultimo, quello “conclusivo”, in cui si presenteranno i testi definitivi e si stilerà il verbale. Intanto il presidente del Consiglio, Mario Monti, al termine del tavolo ufficiale (dopo quello informale di stamattina), durato oltre tre ore, chiarisce: “Né oggi né giovedì ci sarà un accordo firmato dal governo con le parti sociali” perché, spiega, “il governo ha condotto una consultazione, che ha dato un contributo nel merito”, ma “l’interlocutore” principale del governo rimane il Parlamento.

“Il dialogo è importantissimo ma non riflettiamo una cultura consociativa di un passato lontano”. Si ascoltano le parti sociali ma non si dà “a nessuno il potere di veto”, afferma Monti. E sull’articolo 18 assicura che “la questione è chiusa” e non sarà “più sottoposta a esame o analisi”. La “nuova formulazione si applicherà a tutti i lavoratori”, spiega il ministro del Lavoro, Elsa Fornero. L’articolo 18 cambia lasciando il reintegro per i soli licenziamenti discriminatori, mentre per i disciplinari ci sarà l’indennizzo o il reintegro (nei casi gravi e con specifici paletti), per gli economici giudicati illegittimi solo l’indennizzo. Che andrà da un minimo di 15 ad un massimo di 27 mensilità dell’ultima retribuzione.

Fornero parla di una “buona” riforma che renderà il mercato del lavoro più inclusivo e più dinamico. E sui nuovi ammortizzatori sociali “universali” conferma che andranno a regime dal 2017, con risorse addizionali di 1,7-1,8 miliardi. I contratti di lavoro a tempo determinato costeranno di più, con una aliquota contributiva aggiuntiva per finanziare l’Aspi (il nuovo sussidio di disoccupazione) dell’1,4% sulla retribuzione ma saranno esclusi – spiega – i contratti sostitutivi e quelli stagionali. Annuncia che nella riforma c’é anche la norma contro le dimissioni in bianco e il via alla sperimentazione dei congedi di paternità obbligatori che saranno finanziati dal ministero del Lavoro. E garantisce l’intenzione di eliminare gli stage gratuiti: sono un lavoro e l’azienda “lo deve pagare”. Monti subito informa il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, del “buon esito” della trattativa. E Fornero si dice convinta che “il Parlamento è naturalmente sovrano, ma noi crediamo di riuscire a convincere le forze politiche che sostengono il governo del fatto che questa è una buona riforma, equilibrata e inclusiva”.

9 su 10 da parte di 34 recensori La Cgil proclama 16 ore di agitazione contro la riforma del lavoro La Cgil proclama 16 ore di agitazione contro la riforma del lavoro ultima modifica: 2012-03-21T13:07:18+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento