Lo scrittore Andrea De Carlo nuota per gli altri

A Camogli, si è nuotato per beneficenza. La Giuva Baldini, per tutta la mattina, ha aperto la vasca a Nuotathon, l’evento di solidarietà ideato per raccogliere fondi di beneficenza.

Attraverso un modo originale e divertente, quello del nuoto appunto, Nuotathon vuole sostenere un numero sempre maggiore di associazioni italiane e i loro progetti. Ma non solo. Nuotathon, inoltre, rafforza il senso civico e di solidarietà delle società e sensibilizza la comunità riguardo l’importanza dell’attività sportiva per il benessere psico-fisico della persona. Ogni nuotatore, che ha potuto scegliere se gareggiare singolarmente o in gruppo, una volta iscritto ed essersi impegnato a ricoprire un certo numero di vasche, ha destinato un’offerta al progetto. Il 20% dei fondi raccolti è stato destinato alla Gaslini Band Band, il 20% a Women For Girls Onlus e il restante 60%, a discrezione del partecipante, è stato ripartito tra Associazione Liguria Mare, Serenamente e Mai Soli Onlus. Un anno dopo il primo Nuotathon, era il 30 gennaio 2011, la manifestazione si rituffa in acqua. Con un seguito di partecipanti non indifferente, una squadra è arrivata addirittura da Milano per abbracciare il progetto, e con un volto noto della scrittura italiana, lo scrittore Andrea De Carlo ha percorso 60 vasche, la seconda edizione di Nuotathon è stata organizzata in varie sfide personali e in squadra per rendere l’evento più motivante e più competitivo. A Camogli, oggi, hanno nuotato più di 70 persone per una stima complessiva di fondi raccolti che si aggira intorno ai 2500 euro. Un successo su tutti i fronti: quello benefico e quello di partecipazione attiva. Gli organizzatori, che ringraziano tutti i sostenitori, danno appuntamento a tutti con la seconda tappa di Nuotatohn, in programma domenica 18 marzo presso le Piscine di Albaro e la Piscina Comunale di Sori.

Volto noto della manifestazione, nonché atleta partecipante, oggi è stato lo scrittore Andrea De Carlo. Ecco le sue impressioni raccolte a bordo vasca.

“È una bellissima idea. Nuotathon unisce l’attività sportiva ai molteplici scopi benefici. Ho voluto esserci. Queste belle iniziative hanno bisogno di tempo per prendere piede, ma meritano ed è importante che si diffondano. Vedere che, oggi, i partecipanti sono arrivati anche da fuori Genova è la dimostrazione di quanti credano in questo progetto e dello spirito di iniziativa che fa da cornice alla manifestazione. Mi piace molto la formula: un partecipante nuota e raccoglie fondi attraverso le persone che lo sostengono, oppure devolve semplicemente un’offerta. Quindi si può fare beneficienza su più fronti e in diversi modi. È importante che se ne parli: attività di questo tipo devono avere una copertura dei media, perché solo in questo modo possono crescere”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin