Messina, aperta alle scuole la mostra dell’Arsenale

Rimane fruibile per gli Istituti di Istruzione la mostra sul tema “L’arsenale Militare tra storia e archeologia industriale”, evento di particolare rilevanza organizzato dall’amm. Gianfrancesco Cremonini, Direttore dell’Agenzia Industria Difesa-Arsenale Militare di Messina, in sinergia con l’associazione culturale “Arsenale di Messina”.

Le visite, concordate con gli Istituti Scolastici proponenti, si svolgeranno con la guida di esperti dell’Associazione Culturale “Arsenale di Messina”. Per la definizione delle modalità esecutive di dettaglio si dovrà contattare la Segreteria Direzionale: tel. 090665254, fax 090665423, e-mail segr.arsme@agenziaindustriedifesa.it .

Il percorso museale, in continua evoluzione, sarà articolato in diverse tappe. L’Associazione Culturale “Arsenale di Messina” presenterà “l’Arsenale di Messina nel XVI secolo” mentre la “Marco Polo System g.e.i.e” di Venezia in sinergia con  l’Associazione “El Felze” di Venezia  cureranno l’esposizione su “L’arte dei remèri: immagini di lavorazioni artigianali dei costruttori di remi e imbarcazioni della laguna di Venezia”. Nei “Fabbricati Fonderia, Carpenteria, Calderai”, sarà possibile osservare le attrezzature per le fusioni, modelli in legno, iconografie sull’arte della fusione dei metalli, attrezzature di fucinatura e magli per le lavorazioni calderaie, nonché assistere in video alla costruzione di chiodi fucinati. Visita al “Bacino di Carenaggio”, ristrutturato e ampliato già a partire dagli anni ’50, e al “Rifugio Antiaereo” della Seconda Guerra Mondiale, dove viva emozione susciterà la possibilità di rivivere suoni e impressioni dell’epoca (“per un istante…sotto le bombe!”) grazie all’opera di sistemazione e allestimento curate dallo stesso Arsenale Militare con il Museo Storico della Fortificazione Permanente dello Stretto “Forte Cavalli” e l’associazione “Ferrovie Siciliane”. E ancora, si vedranno all’opera le maestranze qualificate, che possono ben considerarsi gli eredi degli oltre duemila anni di tradizione cantieristica, militare e commerciale, della città dello Stretto.

Si realizza, quindi, l’idea del percorso educativo per le giovani generazioni che avranno, in tal modo, la possibilità, insieme ai propri insegnanti, di scoprire luoghi e risorse nel tempo sempre più preziosi per la città di Messina.

Lascia un commento