Gran Carnevale a Platania

66

Allegria  e sano divertimento nel piccolo centro del lametino ma soprattutto  un bellissimo carro allegorico ed un  enorme pupazzo, alto più di quattro metri, costruito  con le loro mani dopo alcuni mesi di lavoro. È stato proprio l’originale carro ad attirare l’attenzione e suscitare il compiacimento dei numerosi cittadini durante la sfilata dei bambini dell’Oratorio di San Michele Arcangelo, affiancati dai piccoli studenti  dell’istituto “Maggiore Perri” di Lamezia Terme,  nei primi due giorni di Carnevale sia quando hanno attraversato  le vie di Lamezia Terme e sia  quelle di Platania dove sono stati presenti il sindaco Gianni Speranza e l’assessore alle Attività produttive Giusy Crimi.  A causa della pioggia i bambini,  però, non hanno potuto mettere in atto la sfilata per le vie di Magolà, prevista per il 21 alle ore 15.30, perché annullata insieme a quella di tutti i carri allegorici, e rinviata a domenica  26 febbraio.

“In un clima di festa – sottolinea il parroco del piccolo centro del Reventino don Pino Latelli –  i bambini dell’Oratorio San Michele e i piccoli studenti del “Maggiore Perri” di Lamezia Terme, nel corso delle sfilate di carnevale, non solo sono stati in grado di dare un messaggio di pace e di amicizia, ma anche sono stati contagiosi nel trasmettere , attraverso la musica, i canti e i balli, un’atmosfera di spumeggiante allegria e di un entusiasmante sano divertimento». Il carro allegorico si è ispirato ad un personaggio comune di Platania, Gregorio, di indole mite e buono d’ animo, vestito con una tuta mimetica di militare come quella indossata dai bambini che, però, invece delle micidiali armi, hanno tenuto stretta in mano una gerbera, simbolo di pace e amicizia, a dimostrazione della loro volontà di compiere una missione di pace.  E proprio al tema della pace i bambini hanno dato la dovuta rilevanza nel costruire il carro sottolineata dal titolo “Pace ed amore”. Si è avverato così il sogno dei piccoli artefici del carro bello e colorato grazie anche al contributo dell’instancabile e competente  responsabile dell’Oratorio Maddalena Cimino e dei volenterosi animatori Ferdinando Cimino, Lorena Villella, Angelo Buonarota, Maria Chiara Torchia, Rosanna Cicero e Sharon Gigliotti che  hanno consentito l’ottima riuscita delle manifestazioni.