Un altro cadavere sul Concordia, bilancio a quota 17

Il nuovo ritrovamento è avvenuto sul ponte 6 nella parte sommersa della nave. E’ una donna e, da quanto descrivono i soccorritori, non indossava il giubbotto di salvataggio. E’ la diciassettesima vittima recuperata dai sommozzatori dal giorno del naufragio. Le ricerche dei soccorsi continuano mentre sono slittate a domani le operazioni di recupero del carburante.

In mattinata, infatti, il “Pontone” utilizzato per le operazioni di flangiatura si è staccato dalla Costa Concordia e si è messo a ridosso della nave. Sembra che gli operatori abbiano dovuto staccare il cavo che univa il “Pontone” a causa del mare che stamattina è più mosso rispetto ai giorni scorsi. L’imprevisto potrebbe rallentare ancora le operazioni di svuotamento dei serbatoi di carburante che cominceranno non appena saranno sistemate tutte le 12 flange previste.

Secondo quanto spiegato dalla Protezione Civile la decisione di staccare il “Pontone Meloria” è stata presa per motivi di “sicurezza” dai responsabili della Smit/Neri. Il “Pontone” sta rientrando in porto al Giglio, spiega ancora la Prociv, e le operazioni di flangiatura riprenderanno non appena le condizioni meteo marine consentiranno di operare in sicurezza.

A complicare le operazioni anche il vento e il mare mosso. Il protocollo prevede che con onde alte oltre un metro e vento sfavorevole le operazioni di flangiatura si interrompano per motivi di sicurezza. Così Antonino Corsino, funzionare sommozzatore dei vigili del fuoco che funge da collegamento tra il pontone e il porto ha spiegato la decisione di staccare il pontone Meloria e di sospendere le operazioni di preparazione allo svuotamento del carburante dalla nave di Costa Crociere naufragata davanti al Giglio lo scorso 13 gennaio. “Appena sarà possibile riprenderemo tutte le operazioni – continua Corsini – ma sono decisione che vengono pres di minuto in minuto”. Secondo quanto si apprende questa sospensione potrebbe ritardare ulteriormente l’inizio dello svuotamento dei primi 6 serbatoi il cui inizio era previsto per oggi, e già era slittato alla giornata di domani.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin