In manette a Vibo Valentia Onofrio Meddis

Un pluripregiudicato 50enne residente nella frazione Longobardi, con martello e cacciavite, stava tranquillamente staccando dal muro delle cassette elettriche.

Durante la perquisizione della’abitazione di Onofrio Meddis, oltre a verificare la presenza di altro materiale elettrico misteriosamente scomparso dal camping, i militari dell’Arma hanno accertato come la corrente elettrica giungesse da una fonte ignota e, soprattutto, gratuita. Infatti i militari non hanno potuto non notare come l’abitazione, nonostante fosse priva di contatore fosse illuminata a giorno da numerose lampadine. I Carabinieri, con l’ausilio dei tecnici dell’Enel hanno così risalito i cavi elettrici, in gran parte murati e che hanno richiesto un vero e proprio lavoro di demolizione per essere portati allo scoperto, fino ad arrivare ad una cassetta di derivazione che l’uomo aveva forzato e manomesso.

Perl’uomo, che in una sola giornata si è visto caricare addosso l’accusa di ben 2 furti aggravati, sono così scattate le manette e, dopo gli atti di rito, si sono aperte le porte del carcere di Vibo Valentia.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin