Con Gabriel Garko a caccia dell’assassino

Ultima puntata questa sera per la fortunata fiction Mediaset “Viso d’angelo”, il noir con Gabriel Garko e Cosima Coppola. Questa sera scopriremo l’identità del terribile Viso d’angelo, l’assassino seriale che ha terrorizzato i protagonisti con i suoi atroci crimini.

Non accennano a fermarsi gli omicidi legati al centro di recupero Santa Teresa d’Avila. Le vittime dell’assassino sono tutte dotate di un rosario, parte integrante di un misterioso rituale purificatore. Solo l’ultima, naturalmente accidentale, non è provvista di questo dettaglio: Padre John (Mambaye Diop). Scoperto il cadavere di quest’ultimo nella terza puntata, l’ispettore Roberto (Gabriel Garko) e l’ex poliziotta Angela (Cosima Coppola) si avvicinano gradualmente alla risoluzione del mistero.

Stasera, infatti, i due colleghi e amanti scoprirano che l’agire del killer è orientato da un rituale purificatore ispirato ad un inquietante personaggio: Torquemada, il Grande Inquisitore. Le azioni di quest’ultimo sono documentate in un libro prezioso quanto introvabile, ma che è passato nelle mani di tre potenziali indiziati. Si tratta di Suor Serafina (Angela Molina), responsabile del centro e dei fidanzati Christian Gianzi (Raniero Monaco di Lapio) e Luisa Forlei (Victoria Larchenko). Questi ultimi sono accomunati dalla terza vittima dell’omicida, ovvero Cinzia Forlei (Martina Pinto), cognata e amante del primo, e sorella dell’ultima, uccisa nella prima puntata. I tre principali indiziati condividono forse un segreto legato alla scomparsa di Alberica Forlei, madre di Luisa e benefattrice del centro? Come si districheranno Roberto e Angela nelle losche trame che coinvolgono anche la moglie del sindaco (Eva Grimaldi)? E soprattutto, una volta scoperto il killer, Roberto ed Angela ritroveranno insieme la felicità?

Per dare risposta a tutti questi interrogativi non resta che seguire l’ultima puntata di Viso d’angelo, in onda questa sera alle ore 21:20 su Canale 5.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin