Poste reggine aumentano il personale

106

Il recente D.lgs. 58/2011, che ha recepito la Direttiva 2008/6/CE, ha -almeno sulla carta- completato il processo di liberalizzazione del mercato delle poste deciso in ambito europeo ed iniziato con la Direttiva 97/67/CE recepita in Italia col D.lgs.261/1999. Già da alcuni anni, infatti, i servizi postali possono essere resi da soggetti privati diversi dall’organo di Stato, Poste Italiane, al quale è sempre rimasto affidato, e rimarrà per almeno altri 15 anni, il cosiddetto “servizio universale”.

Il servizio universale comprende la distribuzione della corrispondenza fino a 2 kg, dei pacchi fino a 20 kg, delle raccomandate e assicurati nonché della cosiddetta “posta massiva” (comunicazioni bancarie, bollette, etc.). Tale distribuzione, per quanto prevede la legge, deve essere garantita su tutto il territorio nazionale per tutto l’anno (per almeno 5 giorni a settimana o a giorni alterni in situazioni particolari) a prezzi accessibili all’utenza.  A Poste Italiane rimangono anche affidati, in esclusiva, i servizi di notifica degli atti giudiziari e delle multe al codice della strada.

A  Reggio Calabria negli ultimi giorni, in una porzione importante del territorio, quello della zona sud della città,  si sono registrati delle carenze in relazione al servizio del recapito della posta. Tali disagi sono stati recepiti e rappresentati dal presidente del consiglio provinciale Antonio Eroi e dal delegato per l’area Stadio – Ferrovieri – Gebbione Emiliano Imbalzano ai massimi vertici delle poste italiane.  La Provincia ed il Comune di Reggio Calabria hanno così deciso di incontrare il management di Poste Italiane.  “Si è trattato di una positiva sinergia interistituzionale” come spiegano il Presidente del Consiglio Provinciale Antonio Eroi e del vice presidente del Consiglio Comunale Emiliano Imbalzano (delegato Zona Stadio – Ferrovieri – Gebbione), entrambi comunemente impegnati a favore dei cittadini di questa popolosa zona della città.

“Ringraziamo i vertici di Poste Italiane per la sensibilità e la disponibilità dimostrata anche in questa occasione– dichiarano Eroi ed Imbalzano – La Direzione di PT ha, infatti, immediatamente fornito tutte le rassicurazioni del caso, garantendo il mantenimento di un adeguato standard nell’erogazione dei propri servizi  all’utenza interessata della zona sud della città”. A tal proposito, come reso noto dai vertici provinciali di Poste Italiane, una prima iniziativa adottata consisterà nelle nuove assunzioni di personale dipendente, le cui selezioni partiranno proprio dal prossimo giorno 3 del mese novembre. La vigilanza sull’intero sistema postale, ora affidata al Dipartimento delle Comunicazioni Del Ministero dello sviluppo economico che opera attraverso “l’Autorità’ nazionale di regolamentazione del settore postale”, sarà trasferita nei prossimi mesi ad un nuovo Garante dei servizi postali che dovrebbe essere operativo, con nuove e ampliate funzioni, dal 15/9/2011 col nome di ‘”Agenzia nazionale di regolamentazione del settore postale”.  Riguardo alla qualità dei servizi il riferimento è la “Carta della qualità del servizio pubblico postale”, emanata nel 2004 a seguito dei dettami del D. Lgs. 261/1999 e poi via via aggiornata fino alla versione attuale.